21 Savage rischia l’espulsione per colpa di Donald Trump

Articolo di

Greta Scarselli

Altri guai in arrivo per 21 Savage.

Come sappiamo, è stato rilasciato da pochi giorni dopo essere stato arrestato dall’ICE in seguito al suo soggiorno non autorizzato negli Stati Uniti. L’operazione che ha portato all’arresto del rapper di “ISSA” era stata pianificata da diversi mesi poiché si pensava avesse un passato da criminale e diverse condanne a suo carico. L’avvocato procuratogli da Jay-Z ha poi dimostrato la totale estraneità di 21 ai fatti supposti dagli agenti, obbligando l’ICE a rilasciarlo.

Dunque sembrava tutto terminato, 21 Savage era tornato a casa dalla sua famiglia e aveva dichiarato di volersi dedicare solamente alla musica, nessuno aveva però calcolato le nuove direttive di Donald Trump.
Da quando è salito al potere, l’attuale capo della Casa Bianca ha modificato diverse leggi sull’immigrazione, tra cui una che prevede l’espulsione di chi attende l’arrivo dei documenti negli States. E questo era proprio il caso del rapper, che stava aspettando il suo visto da quando ne aveva fatto richiesta nel 2017.

Servono circa 4 anni prima che l’ICE elabori la domanda, dunque 21 Savage sarebbe ancora a rischio espulsione.
Vi terremo aggiornati.

prossimo articolo

Travis Scott rilascia una capsule collection in esclusiva per Dover Street Market