Il concerto di ASAP Rocky è stato rinviato al 2020

Articolo di

Matilde Manara

UPDATE 20/08: Quello che credevamo impossibile sta succedendo, ma come al solito è ancora tutto da definire. Radar Concerti, dopo aver dato il via ai rimborsi dei biglietti per l’annullamento del tour di ASAP Rocky, ci ha inviato una mail che ha riacceso la speranza.

Gli organizzatori hanno comunicato che, nonostante avessero già concordato una nuova data da svolgersi tra agosto e settembre, il prolungamento del processo e i mille dubbi sulla questione hanno costretto Rocky ad annullare tutto quanto e riprendere più avanti il tour interrotto. Ci tengono a specificare che senza alcun dubbio il concerto verrà recuperato nei primi mesi del 2020. E non è tutto, per sdebitarsi dei disagi hanno deciso che tutti i possessori del biglietto avranno accesso a una presale esclusiva, che darà diritto a una prelazione di 24 ore nell’acquisto del futuro show italiano di ASAP Rocky.

La nuova data sarà ovviamente comunicata appena possibile e tutti coloro che avevano già acquistato un biglietto riceveranno una mail in anteprima con tutte le informazioni necessarie. Al contrario, se volete farvi rimborsare i vostri biglietti, potrete farlo fino al 30 agosto.

UPDATE 14/08: Come ci aspettavamo, il verdetto sul caso di ASAP Rocky è arrivato oggi dal tribunale svedese. Il rapper è stato riconosciuto colpevole, così come i suoi due collaboratori, Bladimir Corniel e David Rispers.

Nonostante le loro dichiarazioni sembravano esser state convincenti, il giudice non ha accettato le motivazioni di legittima difesa, in quanto la bottiglia di vetro utilizzata durante lo scontro va oltre ogni pretesto.

In ogni caso, niente carcere per ASAP Rocky. Il rapper non dovrà passare nessun altro giorno dietro le sbarre, ma è tenuto a pagare una somma di denaro per risarcire la vittima.

UPDATE 02/08: L’estenuante processo iniziato il 31 luglio si è finalmente concluso con notizie positive. L’avvocato di ASAP Rocky è riuscito nel suo intento e il rapper con tutta la sua squadra potrà finalmente lasciare la Svezia, nonostante il verdetto definitivo arriverà il prossimo 14 agosto.

La questione sembra essersi comunque risolta, in quanto è stato dimostrato che l’aggressività mostrata dal rapper nei confronti del ragazzo era proporzionata alla minaccia che aveva di fronte.

Neanche Trump ha tenuto nascosto il suo entusiasmo per il ritorno a casa di ASAP Rocky. Restate con noi in attesa del verdetto decisivo.

UPDATE 31/07: Il processo è iniziato ed è venuto fuori un nuovo video che potrebbe mettere in difficoltà ASAP Rocky e la sua squadra. Nelle immagini si vede chiaramente uno dei bodyguard prendere per il collo il ragazzo coinvolto, Mustafa Jafari, e trascinarlo per alcuni metri.

La scena riprende i momenti precedenti all’aggressione da parte del ragazzo, che solo successivamente avrebbe tirato un pugno e delle cuffie al bodyguard. Questo fatto potrebbe confermare che Jafari abbia agito per legittima difesa, ma fino ad ora il bodyguard protagonista di quest’ultimo video era stato riconosciuto non colpevole – al contrario di Rocky e altre due guardie del corpo.

Guardate il video qui sotto e restate con noi per i prossimi sviluppi

UPDATE 30/07: Oggi in Svezia è ufficialmente iniziato il processo contro ASAP Rocky. Il rapper di Harlem, presente in aula, ha ribadito la sua innocenza davanti al giudice, così come i suoi due collaboratori Bladimir Corniel e David Rispers.

L’udienza si è aperta con un fascicolo di 552 pagine, stilato dalla polizia svedese nel corso delle indagini preliminari. Il documento contiene sms, registrazioni e perizie mediche che attesterebbero la colpevolezza di Rocky nell’accaduto. Nonostante ciò, il rapper si è dichiarato non colpevole, supportato dal suo legale – Slobodan Jovicic – che ha sostenuto la totale assenza di crimini a suo carico, specificando che il suo assistito abbia agito per legittima difesa.

L’avvocato ha dichiarato inoltre di avere due nuovi testimoni il cui intervento potrebbe cambiare gli equilibri del processo e, sempre a vantaggio di Rocky, va la confermata dell’assenza di riscontro tra il suo DNA e quello raccolto sulla bottiglia presente sul luogo della lite.

Questo migliora la situazione, ma non la risolve: nonostante siano decadute le accuse più pesanti, secondo le leggi svedesi rischia comunque fino a due anni di carcere. Nel frattempo, il ragazzo vittima dell’aggressione ha chiesto un risarcimento di 139.700 corone svedesi, l’equivalente di 15.000 dollari.

All’udienza era presente anche la madre di Rocky, Renee Black, che ha raggiunto il figlio in Europa per sostenerlo in questo momento difficile.


UPDATE 25/07: Oggi la CNN riporta che ASAP Rocky è stato incriminato in Svezia con l’accusa di aggressione. Il pubblico ministero svedese Daniel Suneson, dopo aver esaminato il materiale video e le dichiarazioni dei testimoni, ha affermato di aver determinato che gli eventi accaduti costituivano un crimine, nonostante le pretese di autodifesa e provocazione portate avanti dall’avvocato di Rocky.

Vale la pena far notare che ho avuto accesso a una maggiore quantità di materiale rispetto a quella resa disponibile su internet

Daniel Suneson

Il procuratore si è affidato a video reperiti sui cellulari di tutti i presenti, video di sorveglianza del Grand Hotel vicino al luogo dello scontro e quelli di un ristorante. In aggiunta, sono stati recuperati messaggi riguardanti la dinamica dell’aggressione, inviati dalla guardia del corpo di Rocky a un amico e, infine, analisi del DNA svolte su una bottiglia usata nell’assalto.

Il rapper di Harlem, detenuto ormai dallo scorso 3 luglio, rimarrà quindi in carcere finché non avrà luogo il processo, che si presume avvenga entro le prossime due settimane.


La buona notizia in tutto ciò è che, probabilmente, ASAP Rocky non verrà accusato di aggressione aggravata, quella ipotizzata inizialmente e che avrebbe previsto una pena di 6 anni. Sembra invece che il massimo che possa raggiungere sia una condanna di 2 anni.

UPDATE 23/07: Nonostante Donald Trump, assieme alla famiglia West, si sia mobilitato in difesa di ASAP Rocky, avviando un confronto con il premier svedese Stefan Lofven, la situazione non intende migliorare. Nei giorni scorsi, infatti, le accuse rivolte a uno dei ragazzi coinvolti nella rissa sono state ritirate.

L’uomo era stato precedentemente indagato per molestie e aggressioni, ma quello che sembrava essere un fattore importante nella valutazione di quanto accaduto a Stoccolma, è risultato insignificante. Il tribunale svedese, dopo aver già chiarito in modo provocatorio a Trump che la legge in Svezia è uguale per tutti, ha presto comunicato che le indagini a carico del ragazzo sono state interrotte e che l’uomo è innocente. Questo non semplifica sicuramente la posizione di Rocky che, attualmente, è ancora detenuto.


UPDATE 11/07: La data a Milano del tour europeo di ASAP Rocky è stata annullata, almeno per adesso. Secondo gli ultimi aggiornamenti, il rapper si è trovato costretto a rinunciare ai concerti previsti per luglio e la tappa del 17 al Carroponte è compresa. Gli organizzatori hanno dichiarato di essere al lavoro per cercare di recuperare la data nei mesi successivi, quindi per il momento i biglietti acquistati rimangono validi. Vi terremo aggiornati sulle novità.


UPDATE 4/07: ASAP Rocky è bloccato in carcere a Stoccolma e non è chiaro quando verrà rilasciato. Secondo gli ultimi aggiornamenti sembra che le autorità svedesi siano intenzionate a trattenere il rapper dietro le sbarre per almeno due settimane, in modo da avere la possibilità di esaminare l’accaduto. Il caso stavolta è particolare, solitamente una persona può essere tenuta in custodia per un massimo di 72 ore, ma a quanto pare il rapper è stato preso di mira. Al contrario della guardia del corpo, che è stata rilasciata per prove insufficienti, Rocky, se condannato, potrebbe passare i prossimi sei anni in prigione. È alquanto probabile che per questo motivo, il rapper debba saltare le prossime date del suo tour europeo che avrebbe fatto tappa anche in Italia il 17 luglio. Riusciremo a vederlo in concerto? Vi terremo aggiornati sulle novità.


Storia originale: ASAP Rocky è stato protagonista di una rissa avvenuta ieri a Stoccolma. Il rapper è al momento impegnato nel suo tour europeo e proprio ieri si trovava nella capitale svedese in occasione di una data.

La notizia si diffonde quando TMZ pubblica un video in cui compaiono ASAP e la sua crew mentre discutono e successivamente si scontrano con alcuni ragazzi fuori da un ristorante.

Secondo alcuni testimoni i giovani si erano avvicinati all’artista accusandolo di avergli rotto un paio di cuffie, minacciandolo di chiamare la polizia se non si fosse deciso a ripagarle. La richiesta diventa insistente e i due iniziano a seguirlo per alcuni metri, fino a quando Rocky decide di intimare ai giovani di allontanarsi.

È a questo punto, secondo le fonti, che interviene una donna, la quale, riconoscendoli, si intromette nella discussione e li accusa di palpeggiamento. Sembra essere questa la scintilla che ha innescato il pestaggio riportato dai video.

Nella clip compare chiaramente il rapper, che indossa felpa bianca e pantaloni verdi, mentre lancia a terra uno dei ragazzi, su di lui si scagliano subito dopo i compagni, che successivamente lo abbandonano per strada e si allontanano.

Sul posto sono arrivati i paramedici e la polizia che ha raccolto le testimonianze e acquisito i video, ma per il momento sembrano non esserci accuse formali nel confronti di Rocky.

Il rapper si è successivamente esposto sui social postando su Instagram due video che riguardano l’accaduto.

prossimo articolo

Samuel Heron ci ha spiegato come non essere un fenomeno usa e getta