Brand da tenere sott’occhio: Huge Underground Business

Articolo di

Ruben Di Bert

La continua evoluzione e crescita del settore della moda fa sì che assiduamente nascano nuovi brand, tuttavia nella sua frenesia non è sempre facile scovare i nomi più promettenti.

Questa volta vi parliamo di Huge Underground Business, una realtà nata nel 2018 dalla mente di Alessandro e Jamila nello scenario accademico italiano come risposta ai temi che pone la società moderna. Dietro al loro concept si cela una necessità di connessione e scambio tra persona e ambiente, riflettendo una nuova visione multidimensionale all’interno del panorama streetwear. Questo pensiero viene portato avanti attraverso un approccio sperimentale che affonda le proprie radici sulla tecnicità e l’avanguardia nella produzione di materiali e silhouette ideate per fare fronte alle esigenze dell’ambiente urbano, unendo diverse culture e ispirazioni. L’elemento chiave delle loro creazioni è sicuramente l’attenzione per la funzionalità, espressa attraverso l’utilizzo di tessuti hi-tech e tagli netti che si fanno influenzare dall’estetica minimalista.

Nella collezione primavera/estate 2021, intitolata “Physical Consciousness“, per esempio, ritroviamo tutti i tratti distintivi che caratterizzano la loro filosofia, dall’attitudine pratica all’ispirazione verso l’ambiente circostante in senso molto ampio e concettuale.

La stagione viene suddivisa in tre diverse capsule, ciascuna delle quali si contraddistingue per un tema ben preciso: il primo drop trae ispirazione dal fenomeno fisico della gravità e di conseguenza ruota attorno allo studio di capi multifunzionali e dinamici con strutture ultraleggere, chiusure magnetiche e personalizzazioni metalliche; la seconda parte, invece, prende il nome di “Chaos and Cosmo” e tenta di rispecchiare la vastità dell’universo e le sue infinite possibilità che possono crearsi in base alle singole scelte dell’individuo. Tasche, finiture tridimensionali e grafiche astratte, talvolta incomprensibili, traducono quindi in abbigliamento le emozioni nascoste nel subconscio secondo un ordine caotico; la terza tranche, infine, riversa gli elementi della natura che spesso passano inosservati su procedimenti che delineano lo stile workwear, come tinture a mano che richiamano la degradazione di una roccia o la gamma cromatica del sottobosco. È possibile reinterpretare tutto ciò come una lettura in senso lato del vintage, sottolineando il fascino del vissuto.

Huge Underground Business però non si limita alla tradizionale produzione di collezioni stagionali, ma amplia i propri orizzonti anche con lo sviluppo di speciali linee dedicate alla sostenibilità come “Huge Clean“, una selezione di articoli fabbricati con materiali in disuso, riciclati e riutilizzati per fornire un imbattibile rapporto tra qualità e prezzo; o ancora, la sezione homeware che contiene pezzi di design e accessori per cani, quali cuscini e cappottini caratterizzati da illustrazioni uniche.

Per scoprire di più su questo brand, date un’occhiata al sito ufficiale e alla pagina Instagram.

prossimo articolo

Nike fa un tuffo nel 1989 presentando i boot Lahar Low