DaBaby compra e vende featuring

Articolo di

Matilde Manara

Ad oggi DaBaby è di certo una delle più grandi stelle dell’hip hop statunitense. Il suo nuovo album “Kirk“, uscito la scorsa settimana, sta raggiungendo ottimi traguardi, arrivando a occupare tutte le prime 13 posizioni della classifica di Apple Music, mettendo così in pole position l’intero disco.
Ma la sua ultima creazione artistica non è l’unica ragione per la quale in questi giorni si è parlato molto di lui.

Il rapper di Cleveland ha rilasciato un’intervista a radio Power 106 in cui parla – senza troppe censure – della sua posizione riguardo l’acquisto e la vendita dei featuring. DaBaby si definisce pienamente d’accordo con questa pratica e, cercando di trarre il meglio da questo suo recente picco di notorietà, ha dichiarato di aver alzato il costo dei suo versi. Ora, infatti, per avere una strofa di Baby si dovranno sborsare circa $100.000.

Dopo queste dichiarazioni, gli è stato chiesto se i suoi colleghi si offendessero davanti ai prezzi folli che propone, DaBaby ha risposto in modo colorito che la cosa non lo preoccupa affatto e che è sempre stato abituato a pagare per giocare.

I don’t give a fuck if they get offended or not because I use to pay to play. You just gotta respect the game, man.

DaBaby a Radio Power 106

A questo proposito, il rapper ha raccontato di essere il primo a pagare per ottenere determinati featuring, cancellando ogni possibile ipocrisia dal suo discorso. La comparsa di artisti come Lil Baby e Boosie Badazz nelle sue produzioni gli sono infatti costate care, ma la cosa non lo disturba per niente, sostiene invece che sia un tratto naturale dell’industria del rap.

Questa è l’occupazione più richiesta al mondo. È una benedizione… Se posso in qualsiasi modo influenzare il gioco e cambiare la narrazione, sono disposto a tutto per farlo.

DaBaby a Radio Power 106

Durante la stessa intervista il rapper di “Suge” ha riportato anche un altro aneddoto interessante, raccontando di quella volta in cui Drake lo aiutò a entrare illegalmente in Canada, nel periodo in cui si trovava ancora in libertà vigilata. DaBaby si è infatti lasciato sfuggire un “Shoutout to Drake, he got me cleared in Toronto, they ain’t wanna let me in” che non è certo passato inosservato, aggiungendo poi Drake had every felon in my camp posted in Toronto… n**gas on probation and everything” cancellando ogni possibile dubbio di interpretazione.

prossimo articolo

La collaborazione tra Supreme e Honda sarà accompagnata anche da un range di capi e accessori firmati Fox Racing