Talks

Damien Hirst porta la serie “Pharmacy” nel Prada Mode di Mosca

Articolo di

Ruben Di Bert

Dopo aver fatto tappa a Londra, Miami, Hong Kong, Parigi e Shangai, il club privato itinerante Prada Mode, che offre ai propri membri un’esperienza unica ponendo l’accento sulla cultura contemporanea, è ora approdato in una nuova città portando con sé delle novità davvero speciali.

Il sesto capitolo del progetto trova infatti luogo alla Levenson Mansion di Mosca, iconico edificio in Art Nouveau progettato dall’architetto Fyodor Schechtel nel 1900 per un fornitore ufficiale della corte imperiale di sua maestà l’imperatore Nicola II, laddove gli ospiti potranno intraprendere un viaggio nel mondo dell’arte accompagnati da musica, specialità culinarie e stimolanti conversazioni. A rendere ancor più unica questa edizione ci pensa però la collaborazione con Damien Hirst, resa possibile dalla lunga amicizia e creatività condivisa tra Miuccia Prada e l’artista britannico.

Ho sempre pensato che i grandi ristoranti possano essere opere d’arte e Pharmacy è un’opera d’arte vivente, che raggiunge l’apice del proprio potenziale artistico quando ospita arte e persone allo stesso tempo.

Damien Hirst

L’incontro tra i due è basato sulla serie “Pharmacy” di Damien Hirst, ideatore di un singolare ristorante a Notting Hill nel 1998 ispirato all’omonima installazione inaugurale presso la Cohen Gallery di New York. Era sì un ristorante con bar perfettamente funzionante, ma gli arredi comprendevano degli spiazzanti armadietti per farmaci alti fino al soffitto e quadri di farfalle dipinti appositamente per l’occasione, assieme a un enorme modello molecolare e carta da parati il cui design deriva da un catalogo farmaceutico. Va precisato inoltre un altro dettaglio degno di nota, ovvero il fatto che fu proprio Miuccia Prada a disegnare le uniformi del personale.

Lo stesso concept è stato quindi ripreso fedelmente da Prada per Prada Mode Moscow, con elementi d’arredo quali boccette di Ventolin, scatole di Tegretol, enormi pillole e altri particolari tipici di una farmacia che rappresentano perfettamente la cifra stilistica dell’artista e l’originalità della maison.

L’installazione sarà aperta al pubblico dal 5 all’11 dicembre.