La Death Row è diventata proprietà della Hasbro

Articolo di

Greta Scarselli

La Death Row, etichetta che porta sulle spalle i più forti momenti dell’hip hop e della sua storia, è finita sotto una famosa azienda di giocattoli, la Hasbro, la stessa che possiede personaggi come Mr. Potato, i Power Rangers e My Little Pony.

Death Row Records è la storica casa discografica portata avanti da Suge Knight e Dr. Dre, una realtà che ha contribuito all’ascesa di artisti come Tupac e Snoop Dogg e ha lasciato un’impronta indelebile nella storia dell’hip hop.

L’esistenza di tale etichetta non ha mai avuto un lieto fine e in verità, in passato, un passaggio di questo genere c’era già stato. Dopo la morte di Tupac Shakur, molti artisti decisero di lasciare la Death Row perché ritenuta pericolosa per le proprie vite.

Suge Knight è in prigione ed è il presidente dell’etichetta; Dr. Dre se n’è andato e Tupac è morto. C’è qualcosa che mi dice che o finirò per essere ucciso o per andare in prigione, oppure non concluderò niente.

Snoop Dogg

Dr. Dre fu il primo ad abbandonarla e l’etichetta da sola non stava più in piedi. Il fallimento dichiarato nel 2006 ha fatto sì che la famigerata Death Row finisse sotto la Entertainment One, società multimediale famosa per niente meno che Peppa Pig. L’acquisto fu concordato per 280 milioni di dollari, mentre adesso, la Hasbro, ha dovuto spendere la modesta cifra di 4 miliardi per acquistare la multinazionale ed espandere il suo mercato, inglobando un pezzo importante e fondamentale del gangsta rap.

prossimo articolo

Eminem porterà Spotify in tribunale