EA Sports paga 2 miliardi per l’esclusiva dei videogiochi NFL

Articolo di

Claudio Pavesi

I videogiochi di EA Sports avranno l’esclusiva sulla NFL almeno fino al 2026 grazie a un faraonico contratto da 2 miliardi di dollari. Si tratta di una cifra impressionante che verrà divisa tra Lega e giocatori secondo accordi predefiniti ben precisi. Ma procediamo con ordine.

Così come EA Sports NBA Live e NBA 2K competevano nel basket, lo stesso dualismo si manifestava nel football americano: Madden NFL da una parte e NFL 2K dall’altra. Dal 2005 però è stata la EA Sports a strappare un contratto di esclusività con la principale lega sportiva americana, nonostante la netta superiorità dei giochi 2K per gameplay e modalità di gioco.

Patrick Mahomes, uomo coprtina di Madden NFL 20, in versione digitale.

Ormai da 15 anni Madden non ha letteralmente rivali, e la storia proseguirà fino al 2026. Il contratto quinquennale partirà infatti dal 2021 e si concluderà dopo il Super Bowl numero 60, o per meglio dire, LX. Parliamo di un contratto da 2 miliardi di dollari che garantisce l’esclusività di utilizzo in un gioco simulativo sui diritti delle squadre (nomi, loghi, divise, ecc.), i giocatori, sponsor (scarpini, accessori, varietà di caschi, ecc.) e partner della NFL.

Di questi due miliardi, uno andrà alla NFL, 500 milioni andranno in marketing condiviso e 500 milioni andranno ai giocatori, o meglio all’Associazione Giocatori, che avrà poi il compito di dividerli tra i professionisti in causa. Una parte della cifra verrà assegnata in maniera diretta, un’altra percentuale verrà conservata in un fondo di sicurezza in caso di momenti di crisi. Quest’ultimo fondo, istituito ormai diversi anni fa, si è rivelato molto utile per sostenere i giocatori privi di contratti garantiti durante questa ultima emergenza causata dal COVID-19.

Come accennato, il contratto di esclusività che lega la NFL a EA Sports è per un gioco simulativo. Proprio da pochi mesi, infatti, la lega di football americano guidata da Roger Goodell ha firmato un accordo con 2K Sports, che a sua volta ha annunciato uno o più giochi in uscita per il 2021. Considerando i contratti di esclusività, è impossibile che si tratti di un competitor diretto di Madden NFL. Più probabile è l’opzione di qualcosa di arcade, in linea con gli NFL Street o NBA Street del passato, o gestionale, come NFL Head Coach. Tutti questi giochi sono stati prodotti da EA Sports fino a qualche anno fa.

Lamar Jackson, MVP uscente della NFL, sarà l’uomo copertina di Madden NFL 21.

Una delle particolarità di Madden NFL sta proprio nel nome. Come ogni buon appassionato di NFL sa bene, il “Madden” del videogioco è proprio John Madden, ex leggendario coach e commentatore del mondo del football, l’uomo che nel 1988 aiutò EA Sports a sviluppare quello che sarebbe diventato il gioco più famoso del mondo NFL. John Madden non era infatti solo nel nome, fu anche commentatore tecnico in-game e uomo copertina del gioco fino al 2001. Essendo il nome di John Madden ancora parte integrante del videogioco, anche lui prenderà una sostanziosa cifra da questo accordo, ma la sua parte non è stata dichiarata né dalla NFL, né tantomeno da EA Sports.

Madden NFL è l’unico gioco sportivo (insieme a FIFA, anch’esso di EA Sports) ad aver venduto oltre 100 milioni di copie, e non sembra per niente destinato a fermarsi.