Ecco chi è blackbear, in concerto a Milano per il suo tour europeo

Articolo di

Redazione

Giovedì sera al Fabrique di Milano si è tenuta l’unica data italiana del tour europeo di blackbear, rapper californiano di origini italiane che vanta milioni di stream su Spotify e collaborazioni con i più grandi artisti americani.

Prima del concerto abbiamo avuto l’occasione di scambiare due parole con lui, che si è dimostrato un artista molto disponibile e particolarmente umile.

Il suo ultimo singolo “hot girl bummer” ha raggiunto la vetta delle classifiche, sfruttando il trend dell’hashtag #hotgirlsummer. Il rapper ci ha spiegato che si tratta di una canzone che va letta in chiave ironica, dai suoni freschi e leggeri, ed è nata dalla volontà di prendersi un po’ gioco della classica ragazza di Los Angeles, superficiale, ricca e spesso noiosa. Nonostante si trattasse di un semplice gioco di parole sul noto hashtag, i fan di Megan Thee Stallion hanno subito attaccato il rapper, pensando che il brano fosse una parodia di “Hot Girl Summer”.

blackbear però non è semplicemente un rapper: ci ha raccontato di come oltre a cantare si occupi anche di scrivere, adattare e comporre testi di diverso genere. In più produce spesso le sue basi. Non è un caso infatti che sia l’autore della hit multiplatino “Boyfriend di Justin Bieber, che gli ha permesso di guadagnare abbastanza da poter andare in pensione anticipata circa sette anni fa.

Ma bear non è uno che si accontenta, è un artista molto prolifico: a partire dal 2015 ha rilasciato ben cinque album, tutti di grande successo in patria. Inoltre, tra i suoi featuring troviamo Machine Gun Kelly, G-Eazy, Childish Gambino, Pharrell Williams, Miley Cyrus e molti altri. Nel 2017 è stato il primo cantante a remixare una canzone di Billie Eilish, Ocean Eyes“, e nello stesso anno lo ha fatto con i Linkin Park, essendo anche grande amico di Mike Shinoda.

blackbear ci ha parlato anche della sua salute. Nel 2016 è stato ricoverato in ospedale a causa di una pancreatite necrotica, per la quale ancora oggi non può bere alcolici e fare uso di stupefacenti. Matthew, però, questo il suo vero nome, è forte e determinato, e nonostante la malattia e il disagio del vivere una vita da rockstar privandosi di questi vizi, non si è mai fermato e ci ha spiegato come abbia capito che quei bisogni fossero solo nella sua testa. Acquisendo più fiducia in sé stesso ha trovato la chiave per tenere lontane queste tentazioni. Oggi sta bene e si sta godendo il suo tour “DEAD 2 THE WORLD” in molte città d’Europa.

Tra i suoi album preferiti vi è “House Of Balloons” di The Weeknd, disco che secondo lui ha rivoluzionato il concetto di hip hop e che ha permesso alle sonorità R&B di contaminare lo stile più crudo del rap. Infatti blackbear propone un rap diverso dal concept classico: i suoi pezzi sono caratterizzati dalla presenza di sonorità diverse, che vanno dal rock al pop.

Se ancora non conoscete blackbear, potete ascoltare qui il suo singolo “hot girl bummer”.

prossimo articolo

La ragazza nel video di XXXTentacion è una sua ex