Ecco DJI Pocket 2, la più compatta tra le videocamere 4K stabilizzate

Articolo di

Redazione

DJI, leader mondiale nella tecnologia dei droni civili e delle immagini aeree, ha presentato Pocket 2, una mini fotocamera stabilizzata portatile per creare in qualunque momento foto e video di altissima qualità.

Pocket 2 è adatta per qualsiasi tipo di vlog ma può essere usata anche come fotocamera stabilizzata a sé stante, connessa a un dispositivo mobile tramite l’apposito connettore oppure da remoto con accessori wireless.

La videocamera, caratterizzata da un design innovativo e da una costruzione che le permette di essere super leggera (il peso è infatti di soli 117 grammi), è dotata di una fotocamera 4K con funzionalità zoom e un aggiornato sistema di messa a fuoco, e vanta inoltre un sistema audio migliorato che offre una registrazione del suono perfetta, tramite i quattro microfoni integrati.

Per ottenere il massimo da Pocket 2, si possono poi utilizzare gli svariati accessori che l’azienda mette a disposizione: a partire dal set di microfoni wireless, fino a un modulo di controllo più piccolo e a un manico estendibile. Senza dimenticare il modulo wireless e il sistema di supporto per l’uso con smartphone.

Pocket 2 offre un’esperienza audio migliorata, oltre a una maggiore espandibilità. Per chi è lì fuori pronto a catturare le storie di ogni giorno, o per i vlogger in cerca di un’ispirazione più creativa, le funzioni intelligenti integrate e i diversi template video consentono a chiunque di creare contenuti professionali e coinvolgenti. Chiunque può girare un video, ma Pocket 2 aiuta a farlo da professionisti, portando le abilità narrative a un livello tutto nuovo.

Rogero Luo, presidente di DJI

DJI Pocket 2 è disponibile online e presso i rivenditori autorizzati in due opzioni: con ministick di comando e supporto treppiede al prezzo di €379 e con ministick di comando, supporto treppiede, obiettivo grandangolare, microfono wireless con parabrezza, impugnatura multiuso e micro treppiede al prezzo di €519.

prossimo articolo

Dietro al brand di Justin Bieber c’è un ragazzo italiano