I font unici che la Serie A ha deciso di scartare

Articolo di

Claudio Pavesi

Foto

Sky Sport

Vi avevamo già parlato del nuovo font della Serie A che caratterizzerà le maglie di tutte le squadre nel 2020-21, ma ovviamente un progetto del genere non segue mai una sola proposta. Infatti stanno circolando online alcuni font che la Serie A ha scartato nel processo di scelta, e per questo vogliamo provare a darci un’occhiata.

Il progetto è stato realizzato da Stilscreen, azienda situata nella provincia di Monza e Brianza che da anni realizza font e materiale applicabile per le maglie da calcio di squadre di altissimo profilo come Inter, Milan, Atalanta, Roma, Manchester City, Lione e tutte le Nazionali firmate PUMA, tra cui ovviamente gli Azzurri.

Durante una recente chiacchierata con Sky Sport, Stilscreen ha mostrato uno dei font scartati, così come il processo creativo di quello vincitore.

Tra gli scarti troviamo un’opzione denominata Virtual. Linee squadrate ed effetti 3D caratterizzano questo font dal look moderno, molto particolare sia nella sua versione flat che in quella di maggior volume. Ovviamente non si sa perché la Serie A abbia preferito altri font, ma è plausibile pensare che questo carattere si distaccasse troppo da altri font unici visti in Europa (Premier League, LaLiga e Ligue 1), molto più arrotondati.

L’opzione 3 unisce linee dure ad altre morbide.

Non a caso la terza proposta era una transizione, un’opzione che univa angoli molto netti e decisi ad altri più morbidi. Questa opzione rendeva particolarmente unico il lettering, con alcune davvero riconoscibili come la “E” e la “Y”.

La versione originale del font scelto dalla Serie A, non adatto però alle norme UEFA.

Lo stile vincente è stato però quello denominato “Moustaches”, un design semplice e arrotondato ma caratterizzato da alcuni abbellimenti che andavano contro ad alcune normative UEFA, come specificato nel servizio di Sky Sport. Per questo motivo, il font è stato semplificato fino ad arrivare a quello che è stato ufficialmente presentato: per alcuni troppo semplice, per altri perfetto, per alcuni anonimo, per altri un ottimo mix tra classico e moderno.

La cosa certa è che creare qualcosa di bello e unico per squadre così diverse pur rimanendo nelle regole è davvero difficile.