Dopo aver debuttato con diversi drop online, Domenico Formichetti torna annunciando il primo popup store del suo brand Formy Studio. Il 12 gennaio, dalle 15:00 alle 20:00, con party a seguire fino alle 22:00, in Via Angelo Della Pergola 11 a Milano, avrà luogo Formy Studio GangLand, una struttura fisica temporanea ispirata a Grand Theft Auto San Andreas, dove sarà possibile acquistare prodotti esclusivi della collezione Winter 2018. La linea trova le proprie radici nella strada, dove le gang, fiere della propria appartenenza, manifestano uno stile proprio. In questo caso però, si è scelto di mettere in risalto la trasformazione dell’odio in amore, in un universo utopico dove la diversità è sinonimo di inclusione.

Abbiamo avuto l’occasione di parlare direttamente con Domenico di questa suo progetto, ecco quello che ci siamo detti:

Che cosa troveremo nel pop-up store?

“Come avete potuto notare finora, la bandana è il tema fondamentale della collezione. Nel pop-up saranno disponibili le tre felpe con il cappuccio imbottito e stampato con un pattern bandana, la big bandana realizzata con la stessa tecnica sartoriale della hoodie, un completo in denim laserato con il motivo bandana allover sviluppato sui colori dell’arancio, del rosa e del verde e infine un montone in due varianti caratterizzato dal motivo della collezione. Inoltre, per quanto riguarda le sneakers, ho realizzato tre nuove versioni della Formy HS: una triple black e una triple white, mentre la terza sarà una sorpresa. Last but not least le t-shirt in collaborazione con Jun Inagawa, con il quale ho realizzato tre grafiche limited edition.

Perché hai scelto come tema GTA?

“GTA San Andreas è la storia dei videogame. Sono un grande amante del mondo PlayStation sin da quando ero ragazzino. Ho passato mesi a giocare a GTA e sono sempre stato affascinato dal fatto che le gang vestivano i colori in base alla porzione di mappa che occupavano: ogni zona era distinta da un colore e se capitavi in quello sbagliato erano guai. Oggi ognuno fa parte di una propria “gang”, ognuno si riconosce nel suo quartiere o nel suo gruppo di amici. Il colore rappresenta un simbolo di appartenenza e un modo di differenziarsi.”

Com’è nata la collaborazione con Jun Inagawa?

“Destino. Conoscevo Jun di fama grazie alla collaborazione con VLONE e durante il mio ultimo viaggio a Tokyo ho avuto la fortuna di conoscerlo grazie al cugino Joy. In quei giorni, stando 24 ore su 24 insieme, abbiamo parlato un po’ del più e del meno e il desiderio di creare qualcosa insieme è nato naturalmente e senza troppi pensieri. Il risultato credo sia molto simbolico: non è solo una grafica, ma l’unione di due Paesi “diversi”, due culture “diverse”, due gang “diverse”.”

Nel corso degli ultimi anni i pop-up store hanno riscosso parecchio successo. Che cosa ne pensi di questo sistema?

“I pop-up sono il frutto di un cambiamento sociale e culturale del consumatore. Questo tipo di spazio fisico è un’occasione per rendere il contatto con il pubblico più tangibile e reale. Inoltre dà la possibilità di dare vita alla location dei propri sogni: è come avere una casa vuota da allestire, pezzetto dopo pezzetto.”

Formy Studio sta crescendo molto in fretta, quale sarà il prossimo step?

“Ci sono altre collaborazioni che sono work in progress e altri pop-up in giro per il mondo che presto prenderanno vita. L’obiettivo è sicuramente quello di poter costruire una vera e propria sfilata.”


Outpump

ABOUT US · ADVERTISING LAVORA CON NOI