Talks

I clean-up rave stanno spopolando in Ucraina

Articolo di

Andrea Mascia

Un evento musicale senza scopo di lucro sta spopolando nelle ultime settimane in alcuni sobborghi dell’Ucraina. Si tratta della splendida iniziativa di Repair Together, un progetto portato avanti da alcuni giovani volontari ucraini. Repair Together ha deciso di organizzare numerosi rave itineranti, in cui i volontari stessi, accompagnati dal sottofondo musicale del DJ Oleksandr Buchinskiy, hanno l’obiettivo di ricostruire edifici e costruzioni distrutti dagli attacchi bellici russi avvenuti negli ultimi mesi.

Come possiamo leggere anche sul portale di news Resident Advisor, il fondatore del progetto, Dmytro Kyrpa, ha dichiarato che sono stati già organizzati 8 clean-up rave nella regione di Chernihiv. La speranza del gruppo volontario è quella di attirare attenzione mediatica attorno a sé, oltre a generare una sorta di effetto domino nelle fasce di giovane età della nazione stessa, facendo diventare il volontariato una pratica sempre più diffusa.

Quindi – sostanzialmente – con quali modalità si sono tenuti questi rave? E con quali modalità proseguiranno per i giorni a venire? Pala in mano, occhialetti antischegge e musica di sottofondo: un vero e proprio DJ set combinato all’azione benefica di racimolatura di macerie: una strategia estremamente smart di unire – come si suol dire – l’utile al dilettevole, che ha creato un’onda di persone partita in massa da Kiev per spostarsi nei piccoli villaggi meno fortunati.

Le azioni benefiche del gruppo di volontari sono appena iniziate: stando alle dichiarazioni della raver Marina Grebinna, la striscia di clean-up party non ha intenzione di arrestarsi. È infatti previsto un piano edile che si protrarrà per i prossimi mesi, che prevede la costruzione di dodici abitazioni in quel di Lukashivka.