I due nuovi album di 6ix9ine arriveranno prima del previsto

Articolo di

Greta Scarselli

6ix9ine è a casa, sta bene, ed è arrivato il momento di rimboccarsi le maniche per far uscire i due album che il rapper ha promesso alla sua etichetta discografica.

Alla fine le profezie di 6ix9ine si sono avverate. Nonostante gli iniziali 47 anni di prigione, l’artista era sicuro che sarebbe uscito dalla cella entro i primi mesi del 2020 e così è stato. Tutto ciò che gli resta da fare ora è mantenere gli accordi del contratto da 10 milioni di dollari firmato a ottobre con la 10K Projects, la stessa etichetta che ha precedentemente accompagnato 6ix9ine e che ha pensato bene di non farsi sfuggire l’affare. Ma è stata la scelta giusta? Cosa succederà alla musica del rapper?

In realtà, niente di rilevante. L’artista ha il permesso di scrivere, registrare e pubblicare musica purché lo faccia tra le mura di casa e, presto o tardi potremmo anche vederlo nuovamente apparire sui social.

Questi ultimi chiaramente sarebbero ben monitorati, ma al momento non è quello che preoccupa i legali del rapper. Tekashi è fuori, sconterà il resto della pena ai domiciliari ma deve far uscire quegli album il prima possibile perché i tempi del contratto sono stretti. Così come già anticipato, si tratterà di un disco in spagnolo e uno in inglese ed è probabile che una buona parte 6ix9ine l’abbia già preparata dietro le sbarre.

Insomma, pensavamo di dover aspettare anni prima di poter sentire qualcosa di nuovo, e invece al momento potrebbe trattarsi di mesi.

prossimo articolo

Nike lancia le maglie 2020 per la Chinese Super League