“Kids See Ghosts” è stata la terapia di Kid Cudi

Articolo di

Greta Scarselli

Kids See Ghosts” di Kanye West e Kid Cudi è la dimostrazione che la musica, certe volte, è molto più di semplice musica, bensì terapia. Una terapia che è stata necessaria al suo autore, Scott Mescudi, per rinascere ed uscire da un loop di malessere.

Kid Cudi ha vissuto la depressione per anni, fino a quando nel 2016 decise di aprirsi al mondo e dichiarare a tutti le sue emozioni, il suo stato oscillante che lo aveva portato a pensare al suicidio, aveva toccato il fondo. Nei suoi testi, in realtà, aveva lanciato molte volte messaggi di aiuto, ma mai era stato ascoltato come quando Kanye West decise di prendere la situazione in mano e metterlo di nuovo di fronte a un foglio bianco con un beat ad accompagnarlo.

La mia ansia e la mia depressione hanno governato la mia vita finché riesco a ricordare e non esco mai di casa per questo.

Kid Cudi su Facebook, 2016

“Kids See Ghosts”, uscito due anni dopo le sue confessioni, è stato ciò che lo ha letteralmente salvato, riportandolo a fare ciò che davvero può farlo stare bene: la musica. Kid Cudi ne ha parlato nella sua recente intervista con Rolling Stone Italia, che lo ha messo in primo piano sulla copertina del mese di ottobre. È sempre stato aperto sulla sua salute mentale, ma adesso sembra voler essere lui a dare aiuto piuttosto che a cercarlo.

Lavorare a quel disco mi ha salvato: ai tempi non sapevo se avrei continuato a fare musica o no, e Kanye è stato lì per me, per aiutarmi a rialzarmi. In quel momento ne avevo davvero bisogno.

Kid Cudi a Rolling Stone

Ora però Kid Cudi si sta concentrando su altro, da parte ha la sua musica e il suo podcast che si chiamerà “All Love No Shit Talkin“. I suoi progetti lo hanno aiutato a togliere l’attenzione dai suoi problemi durante la pandemia: “tanti di noi hanno dovuto trascorrere molto più tempo in compagnia unicamente di se stessi, e chi non ci era abituato poteva davvero finirci sotto”, ha affermato, ma lui a passare del tempo da solo ci era già abituato. Il podcast sarà uno strumento realizzato apposta per arriva a coloro che si sentono soli e fragili.

prossimo articolo

La “bolla” del resell di sneakers è ancora in espansione