Sneakers

Brain Dead si immerge negli archivi di Oakley per questa collaborazione

Articolo di

Edoardo Cavrini

Girovagando tra le infinite pagine Instagram di archivio d’ispirazione hiking vi sarà capitato di imbattervi almeno una volta in quelle particolari sneaker dal design futuristico ma dal gusto rétro. Una di quelle silhouette è ora pronta a fare il suo ritorno grazie a un’inaspettata collaborazione messa a segno tra Oakley e Brain Dead.

Il duo, tramite il rilancio dell’Oakley Factory Team Innovation Lab, inizierà a riproporre sul mercato prodotti appartenenti agli archivi del brand, proponendoli in una veste più moderna. Il primo capo a subire questo trattamento saranno le Oakley Flesh, calzatura ripescata direttamente dai cataloghi Oakley dei primi anni 2000.

La scarpa, mostrata in anteprima sul profilo Instagram di Sean Pettit, e presentata ufficialmente oggi, si contraddistingue per il suo design unico, privo di lacci e arricchito da un alternarsi di linee e inserti. La tomaia di questa rivisitazione, proposta in tre varianti, è stata realizzata in suede e materiali tecnici combinati a un calzino in neoprene, sopra al quale è applicata l’inconfondibile “O” di Oakley. Rifinisce l’estetica un’intersuola nera a contrasto con un’outsole dalle forme estremamente sinuose che ricordano il log del marchio sportivo.

Per l’arrivo della prima colorazione di questa silhouette firmata Brain Dead e Oakley dovremo attendere il 3 maggio, giorno in cui la Brain Dead x Oakley Factory Team Flesh D1 debutterà online, sullo store di Slam Jam, al prezzo di €130.