L’anello dei Milwaukee Bucks può diventare un pendente

Articolo di

Fabrizio Giuffrida

Nella notte tra martedì e mercoledì è andata in scena la prima partita della nuova stagione NBA, quella dei festeggiamenti per i 75 anni della Lega. Come da tradizione, la prima partita del campionato vede protagonista la squadra che l’anno prima ha conquistato il titolo e nel pre-partita si svolge la famosa cerimonia degli anelli. Nella notte italiana a ricevere gli anelli sono stati i Milwaukee Bucks che poi si sono imposti anche sul campo contro i Brooklyn Nets.

Negli sport americani, tutti i vincitori del campionato hanno diritto al fatidico “anello”, un gioiello fatto commissionare dalle dirigenze delle squadre vincitrici, che poi andrà ai giocatori e allo staff come testimonianza della vittoria e dell’impresa. In particolare, in NBA, questa tradizione è molto importante, tanto da portare le squadre a spendere milioni e milioni di dollari per la realizzazione dei gioielli. Nella notte i Bucks di Giannis Antetokounmpo hanno ricevuto l’anello realizzato dall’artista Jason Arasheben, CEO di “Jason of Beverly Hills” e già creatore degli anelli dei campioni NFL dei Tampa Bay Buccaneers.

L’anello è pieno di dettagli particolari che raccontano la storia della squadra e il percorso che li ha portati alla vittoria del titolo, ma l’elemento più particolare e innovativo del gioiello è sicuramente quello di poterlo trasformare in un pendente. Il top dell’anello è infatti removibile ed è possibile utilizzarlo come ciondolo per una collana. Tale intuizione è nata dal fatto che spesso l’anello della vittoria diventava un cimelio mai indossato, in quanto molto difficile da portare al dito. In questo modo Arasheben ha creato un oggetto dall’utilizzo poliedrico, introducendo una novità epocale.

Il processo creativo che ha portato alla creazione dell’anello è stato abbastanza lungo e molti incontri sono stati necessari per definire l’idea finale. Il risultato è un gioiello che, non solo celebra, ma racconta l’impresa della squadra nei minimi particolari. I 360 diamanti sulla parte superiore dell’anello rappresentano il numero di vittorie da quando l’attuale proprietà è subentrata, gli altri 16 posti su un lato rappresentano il numero di vittorie ai playoff, mentre quelli sul lato opposto si riferiscono al totale dei titoli di divisione della franchigia. Il prefisso 414 di Milwaukee è riportato attraverso i 4,14 carati di smeraldi, mentre le 50 pietre rotonde sulla lunetta interna rappresentano i 50 anni dall’ultimo campionato della squadra.

Parte del design dell’anello lungo i lati ha lo scopo di imitare la porzione di Fiserv Forum che si trova di fronte alla piazza e che divenne la base iniziale del “Distretto dei cervi”, mentre i due trofei sul gambo interno rappresentano i due titoli della franchigia. Il trofeo Larry O’Brien sulla faccia dell’anello è realizzato in oro giallo al 65,3% di purezza, rispecchiando la percentuale di vittorie della stagione e i tre carati approssimativi di pietra sul gambo rappresentano le tre vittorie della conference della franchigia. Infine, i circa 0,53 carati sulla scritta “World Champions” rappresentano il numero totale di anni di esistenza dei Bucks.

Jason Arasheben, ideatore degli anelli e CEO di “Jason of Beverly Hills”, ha dichiarato:

Bisogna raccontare tutte le storie che hanno portato al titolo su un pezzo di gioielleria da 1½ pollici. Spesso diventa difficile, ma siamo stati in grado di farlo. Ho avuto sei o sette incontri con i proprietari per esaminare gli elementi del design: cosa gli piaceva, cosa non gli piaceva, mi sono consultato con alcuni dei giocatori. Questo processo si è mosso rapidamente grazie alla nostra mentalità aperta e grazie alla fiducia della proprietà che ci ha lasciato fare quello che sappiamo fare meglio: creare anelli.

Alle sue parole si sono unite quelle di Peter Feigin, presidente dei Milwaukee Bucks, che ha dichiarato:

È un processo surreale, nessuno ti insegna come entrare nel business degli anelli e ci sono pochissime aziende che possono effettivamente realizzarli. Non stai solo progettando l’anello di un giocatore, ci sono diversi tipi di anelli, e in realtà stai progettando anche lo spettacolo della cerimonia di consegna. Abbiamo ricevuto proposte da tutti i gioiellieri che hanno fatto questo tipo di cose prima e Jason ci ha colpiti in modo forte. Ha anche una una presa forte con alcuni dei giocatori, perché è già il loro gioielliere.

In attesa di vedere se i Bucks e Giannis riusciranno a ripetersi sul campo, i campioni NBA si godono i fantastici anelli che celebreranno la loro vittoria per sempre.