Le nuove maglie Earned Edition per 16 squadre NBA

Articolo di

Claudio Pavesi

Dal 2017 Nike ha sostituito adidas come sponsor unico in NBA e da quel momento ha innalzato enormemente il numero di maglie da gioco prodotte. Non parliamo solo di quantitativi destinati alla vendita ma di varietà di maglie. Prima sono state aggiunte le City Edition, poi le Throwback, poi si è deciso di incrementare la frequenza del restyling delle divise delle franchigie e infine siamo arrivati alla Earned Edition, ovvero una quarta maglia (in alcuni casi addirittura la quinta) destinata alle squadre che hanno raggiunto i Playoffs nella stagione precedente. Una maglia il cui nome è traducibile con “guadagnata”. Le Earned Edition del 2021 sono volutamente semplici, incentrate sui loghi e sui colori storici delle squadre. Particolare comune sono i dettagli e le bordature in argento, elemento che simboleggia la presenza delle squadre ai Playoff per cercare di inseguire i Lakers che, da buoni campioni in carica, presentano gli stessi dettagli in oro. Le maglie inizieranno a essere indossate nella notte dell’11 marzo e verranno sporadicamente utilizzate fino al termine della stagione, mentre saranno acquistabili su Nike.com dal 18 marzo.

LOS ANGELES LAKERS

Il design è piuttosto semplice ma il grigio scuro fa ben spiccare il giallo e il viola, così come l’oro dei dettagli. La base scura ricorda vagamente la maglia Mamba Edition vista qualche anno fa e ciò non può che essere una cosa buona.

UTAH JAZZ

Di sicuro il verde e il giallo non sono nulla di nuovo sulla maglia dei Jazz ma la enorme J sul petto affiancata ai numeri di maglia è sempre un bel vedere. Va però detto che si tratta di una combinazione parecchio utilizzata in questi ultimi anni.

DENVER NUGGETS

Il logo con i picconi è già molto bello, ancora di più in questa versione spezzata a metà da due diversi colori. I dettagli sugli shorts rendono dinamico un kit totalmente bianco, cosa assolutamente non facile.

PORTLAND TRAIL BLAZERS

Portland ha uno dei look più interessanti, non solo per via del fatto che non siamo soliti vedere il grigio chiaro sulle divise dei Blazers ma anche per aver scelto un’ispirazione così particolare come le nuvole, la pioggia e in generale il colore del cielo che anticipa una tempesta.

DALLAS MAVERICKS

Dal 2010 i Mavs hanno deciso di invertire la rotta, portando il navy blue come colore di dettaglio e il royal blue come tono cromatico principale. I tifosi furono molto felici per la scelta, motivo per cui questa Earned Edition non è nulla di esaltante considerando che ritorna a quel periodo precedente al 2010. Resta comunque un bel ricordo della prima era Mark Cuban.

OKLAHOMA CITY THUNDER

Maglia già vista, colori già visti, nome della squadra spezzato a metà anch’esso già visto. Si poteva fare meglio ma in questo caso Nike è andata sul sicuro, proponendo una combinazione sicura per i tifosi Thunder dopo diversi abbinamenti cromatici piuttosto forti.

LOS ANGELES CLIPPERS

Un design decisamente inaspettato quello dei Clippers visto che il grigio non è esattamente nei fondamenti storici della franchigia. Il grigio quindi è il tema centrale delle maglie di Los Angeles dopo la tinta scura dei Lakers e quella chiara dei compagni di Staples Center.

HOUSTON ROCKETS

Houston è cambiata totalmente rispetto all’anno scorso ed è strano ricordarla ai Playoffs considerando il roster attuale ma quantomeno possono ripensare a quei momenti con una divisa molto aggressiva come questa Earned Edition. Il look interamente nero con dettagli rossi fa sempre una gran figura sul parquet.

BOSTON CELTICS

I Celtics sfruttano da sempre diversi toni di verde e puntano su ulteriori accoppiamenti cromatici basati sul verde per questa nuova Earned Edition. Facile pensare che sul campo abbia un impatto migliore che nello shooting.

BROOKLYN NETS

I Nets hanno una maglia davvero interessante, quantomeno per il concept. La font ricorda infatti quella utilizzata nelle stazioni della metropolitana.

INDIANA PACERS

Quest’anno abbiamo visto il ritorno del pinstripe su alcune divise dei Pacers e per questo motivo non è strano trovarle anche sulla Earned Edition. Le strisce verticali però subiscono uno spostamento e diventano mediamente diagonali. L’outline dello stato dell’Indiana aiuta a rendere il prodotto più autentico.

MIAMI HEAT

Mai ci saremmo aspettati di vedere i Miami Heat in giallo ma a quanto pare bisognava festeggiare la vittoria della Eastern Conference e la scelta è caduta su un giallo ribattezzato Trophy Gold. Non facile abituarsi al colore legato agli Heat ma almeno si è provato a fare qualcosa di nuovo.

MILWAUKEE BUCKS

Il maxi logo del cervo che rese iconiche le maglie dell’epoca di Ray Allen viene duplicato e messo sui fianchi a dare tono a una semplice divisa verde scuro. Il risultato è minimale ma ragionato, aggressivo quanto di gusto.

ORLANDO MAGIC

I Magic continuano col concept del maxi logo frontale ma aumentano la posta in gioco con le stelline sui fianchi, un’estetica che riprende le maglie indossate da Tracy McGrady e compagni nei primi anni 2000.

TORONTO RAPTORS

Le maglie attuali dei Raptors vengono rivisitate con il nero e il viola, dando un look tipico dell’era Vince Carter che tanto ci ricordiamo.

PHILADELPHIA 76ERS

La Liberty Bell di Philadelphia è sicuramente un tema estetico utilizzato spesso dai 76ers ma il fatto che questa volta sia così minimale e semplice non fa che rendere la Earned Edition dei Sixers ancora più bella. In campo renderà ancora di più.