Le Olimpiadi eco-sostenibili di Nike

Articolo di

Claudio Pavesi

In nessuna competizione, come nelle Olimpiadi, non c’è possibilità di errore. Quattro anni di allenamento si riducono a pochi secondi di azione, per questo è necessario avere il materiale performance più efficace possibile. Per Tokyo 2020, Nike ha cercato di realizzarlo riducendo l’impatto ambientale.

Le collezioni dello Swoosh in occasione dei Giochi Olimpici sono una presa di posizione, una decisione che mira alla protezione del futuro dello sport e, più in grande, del pianeta.

Un esempio rilevante è l’uniforme da premiazione del Team USA.
Le tracksuit della nazionale americana saranno in poliestere e nylon 100% riciclati. Dal riutilizzo provengono le Nike Grind e la Nike Air VaporMax 2020 che saranno ai piedi dei premiati.

A Tokyo 2020 debutterà anche lo skateboard e Nike SB non poteva che prendere parte a questa iniziativa. Gli atleti che rappresentano gli Stati Uniti, la Francia e il Brasile indosseranno divise uniche, realizzate in collaborazione con Parra, strizzando così l’occhio alla moda pur riducendo al minimo le emissioni di carbonio.

I prodotti Nike saranno disponibili a ridosso dell’inizio delle Olimpiadi di Tokyo, la cui apertura è prevista per il 24 luglio 2020.