Lo Shakhtar Donetsk passa a PUMA dopo 13 anni con Nike

Articolo di

Claudio Pavesi

Possiamo dire che PUMA ci sta prendendo gusto a scippare dalle tasche di Nike. Il brand tedesco sta infatti facendo molto sul serio nel mondo del calcio, realizzando un numero impressionante di maglie con design bespoke, con pochissimi template, e soprattutto si sta legando a squadre di altissimi profilo, come fatto in origine col Manchester City a partire dall’anno scorso.

Successivamente PUMA si è impossessata dell’immagine di Neymar Jr., fino a poco prima uno degli atleti di punta dello Swoosh. Ora PUMA continua nella sua campagna legandosi con un quinquennale allo Shakhtar Donetsk, colosso dell’Est Europa e presenza fissa nei piani altissimi del calcio europeo, nonché arma storica di Nike in quella parte del territorio.

Voci di corridoio dicevano che l’accordo tra PUMA e gli ucraini sarebbe partito dalla stagione 2020-21, ovvero quella alle porte. Il club però ha annunciato il lancio del legame con il brand tedesco per la stagione 2021-22. Rimane il fatto che Nike non ha ancora mostrato la nuova maglia realizzata per la stagione 2020-21.

PUMA e Shakhtar hanno comunicato il nuovo legame con un video che parla del legame tra città e tifo, così come degli elementi prettamente streetwear.

Il ruolo degli ucraini è importante per i brand, essendo una delle squadre più costanti nel panorama europeo, con presenza fissa in Champions League. Oltre a essere un nome ormai noto a tutti gli appassionati, lo Shakhtar è nota per essere una colonia brasiliana in Europa, quella squadra che da sempre è in gradi portare stelle sudamericane nel calcio del vecchio continente. Parliamo di giocatori della qualità di Willian, Fernandinho, Douglas Costa, Luiz Adriano e Fred.

prossimo articolo

adidas Originals e Foot Locker presentano CHILE20: una collezione per esplorare nuovi spazi