L’uomo sospettato dell’omicidio di XXXTentacion resterà in carcere

Articolo di

Matilde Manara

Trayvon Newsome, uno dei quattro uomini sospettati dell’omicidio di XXXTentacion, rimarrà in carcere. A deciderlo è il tribunale della contea di Broward a Fort Lauderdale, in Florida, che ha decretato l’esistenza di prove sufficienti a confermarne l’incarcerazione.

L’uomo, che è stato catturato e arrestato il 7 agosto 2018, circa due mesi dopo la morte di X, è accusato di aver derubato e assassinato il rapper il 18 giugno 2018. Newsome non è l’unico sospettato del crimine, come lui anche altri tre ragazzi si trovano dietro le sbarre: Michael Boatwright, Dedrick Williams e Robert Allen. Tutti e quattro secondo le autorità avrebbero preso parte all’organizzazione dell’aggressione.

Questo tribunale, avendo riscontrato prove e presunzioni eccezionali, rifiuta di fissare una cauzione.

Michael Usan, giudice della Florida

È XXL a riportare il documento del tribunale statunitense che conferma quanto già ipotizzato dai pubblici ministeri. Si ritiene che Newsome abbia avvicinato Tentacion con una pistola allo scopo di rapinarlo, ma non è ancora chiaro se sia stato lui a sparargli. Del colpo di pistola fatale sarebbe infatti ritenuto responsabile un altro dei tre ragazzi, Boatwright.

Vi terremo informati sulle prossime novità.

prossimo articolo

adidas YZY BSKTBL “Quantum”: data di uscita e immagini ufficiali