Sport

Nike e Serie A: divorzio in arrivo, PUMA potrebbe sostituire lo Swoosh

Articolo di

Riccardo Bosisio

Come abbiamo già detto in molti degli articoli precedenti a questo, Nike sta rimodulando qualsiasi piano strategico stabilito negli ultimi anni. Dopo aver interrotto vari contratti di sponsorizzazione con molti degli atleti più importanti del mondo, lo Swoosh è pronto a porre fine alla partnership con la Serie A. Lo storico brand di Beaverton, infatti, non produrrà più il pallone che viene sistematicamente usato nei match del massimo campionato italiano: il contratto è in scadenza e non ci sono i presupposti per rinnovarlo.

Pallone della stagione attuale di Serie A

Ancora non è noto quale sarà il brand che rimpiazzerà Nike, ma i rumours suggeriscono PUMA. Più volte abbiamo parlato della volontà di PUMA di espandersi sempre più e anche questa volta ci ritroviamo di fronte a un chiaro ed evidente esempio del piano del brand tedesco. Molti ritengono che sarà PUMA a sostituire Nike, in quanto ciò è accaduto già nel 2019, quando grazie a un accordo di 5 milioni di euro PUMA produsse il pallone de La Liga, a sfavore di Nike.

Probabilmente, questo potrebbe essere il sequel di ciò che accadde due anni fa nella Liga spagnola, con PUMA che sottrasse il ruolo allo Swoosh incentrando le attenzioni su di sé. Nike, dunque, interrompe una partnership con la Serie A che si prolungava ormai dalla stagione 2007/2008 e, da quest’anno, si concentrerà esclusivamente sulla produzione di palloni della Premier League, avendo un contratto fino al 2025.

Ennesima occasione da cogliere per PUMA che prova a sostituire l’egemonia di Nike che ha dominato gli ultimi anni.