Fashion

Nike e Stüssy aggiornano la loro ultima co-lab con un tocco di tie-dye e sostenibilità

Articolo di

Ruben Di Bert

Rilasciata ormai più di un mese fa, l’ultima collaborazione tra Nike e Stüssy continua a far parlare di sé. Visto l’incredibile successo riscontrato dalla loro interpretazione dell’intramontabile Air Force 1, i due brand, consapevoli anche del fatto che sui social si stava diffondendo la mania di customizzare il canvas con tinture tie-dye, hanno deciso di cominciare l’anno aggiornando la loro capsule collection con un tocco di sostenibilità e creatività.

Il duo ha pensato di proporre una nuova versione della scarpa con l’aiuto dello studio artistico Lookout & Wonderland, che si è occupato di personalizzare la sneaker attraverso una tecnica hand-dyed a base di pigmenti ricavati da piante e fibre naturali che si ispirano a ciascuna delle città del cosiddetto Stüssy World Tour.

Seguendo la stessa ottica, i due marchi hanno aggiunto alle calzature anche una selezione di capi d’abbigliamento con, più o meno, le stesse peculiarità. Al centro dell’attenzione vi sono le medesime giacche, gonne e pantaloni lanciati lo scorso dicembre, ma che questa volta si presentano rivisitati con il colore grigio e un procedimento di tintura a macchie verde, oltre a una composizione di materiali riciclati come il ripstop derivato per il 75% da reti da pesca e un interno in Thermore EcoDown che sostituisce la piuma con un poliestere capace di regolare il calore e fornire resistenza al vento e all’acqua.

L’intera linea verrà rilasciata in quantità limitatissime il 29 gennaio nei Chapter Store, online e presso i Dover Street Market.

prossimo articolo

Le quotes di Off-White e altri casi controversi di trademark nella moda