Nike x Sony PlayStation: dal 2006 a Travis Scott

Articolo di

Marco Rizzi

Foto

Nike, StockX, Flight Club, Goat

Con la “release” ufficiale delle nuove Nike Dunk Low x Travis Scott x Playstation nel mondo delle sneakers si è tornato a discutere della collaborazione tra lo Swoosh e Sony, una partnership che nel corso di quasi quindici anni ha dato vita a più scarpe di quanti molti possano pensare. A partire dal 2006 Nike è stato il marchio scelto da Sony per realizzare diverse sneakers promozionali, spesso prodotte nell’ordine delle poche decine di paia. Questo ha fatto sì che tutto ciò che portava il doppio branding Nike e PlayStation fosse automaticamente un must-have per i collezionisti più accaniti. Nel corso degli anni questa partnership si è spostata dai cosiddetti hyperstrike a collezioni vere e proprie, come quelle che hanno visto il coinvolgimento di Nike Basketball negli ultimi anni.

Andiamo quindi a ripercorrere la storia di Nike x Sony PlayStation.

Come detto, la collaborazione inizia nel 2006 quando un executive di Sony chiede a Nike di realizzare una sneaker speciale per celebrare l’uscita della PlayStation 3. Il risultato è una Air Force One Low in patent leather nera, con tallone sfumato e logo PS ricamato sul tallone. Soltanto 150 paia sono state prodotte per alcuni dipendenti Sony e per pochi fortunati che le hanno ricevute in regalo, tra cui Kobe Bryant. Prima della versione definitiva in pelle lucida Nike realizzò anche pochissimi sample con pelle full grain opaca: in molti sono convinti che soltanto due paia siano state realizzate, una è conservata negli archivi Nike (che le ha mostrate nel 2018 su SNKRS app) e un secondo paio faceva parte della collezione di Mayor. Lo scopo promozionale del modello l’ha reso rapidamente un grail per i collezionisti ma per molti sneakerhead il primo impatto con la partnership tra Nike e PlayStation è arrivato soltanto nella primavera del 2007, con l’uscita del numero speciale di SoleCollector dedicato ai venticinque anni dell’Air Force One con le PlayStation in bella mostra sulla copertina.

Sempre nel 2006 Nike ha realizzato una Air Max 90/360 per Sony basata sulla versione “One Time Only” dell’Air Max 90 rilasciata l’anno precedente. Soltanto ventiquattro paia sono state prodotte e sono state regalate da Sony a una serie di personaggi invitati al release party della PlayStation 3 a New York.

Nel 2008 Sony ha commissionato a Nike un pack speciale che include una Air Max ’97 e e una Blazer Mid con base in pelle nera e dettagli iridescenti ripresi dal design della 90/360 prodotta nel 2006. Nonostante la distribuzione limitata la Blazer finì sugli scaffali di pochissimi negozi in tutto il mondo, mentre non sono noti i dettagli riguardo la produzione della ’97: sappiamo con certezza soltanto che le poche paia vendute nel corso degli anni erano promo tagged, ovvero segnalate come sample realizzati a scopo promozionale quindi non destinate alla vendita.

A soli tre anni di distanza dalla prima Air Force One Low “PlayStation” Sony dà incarico a Nike di produrre una nuova versione della sneaker per festeggiare i dieci anni trascorsi dall’uscita della PlayStation 2. Questa volta le paia prodotte sono soltanto cinquanta, tutte numerate con una targhetta cucita sulla fodera della scarpa. A differenziare le “PlayStation” del 2009 da quelle del 2006 ci sono pochi dettagli, tra cui i deubré rettangolari (introdotti con la collezione AF-XXV nel 2007) al posto che ovali, solette bianche al posto di quelle con grafica PS3 e l’utilizzo di una pelle sintetica “glossy” anche per la parte sfumata sul tallone.

Lo stesso anno nel catalogo Nike SB è presente una colorway molto particolare della Zoom P-Rod 2 rinominata dai collezionisti “PlayStation” per la presenza di uno Swoosh sfumato con colori molto simili a quelli utilizzati sulla prima Air Force One Low “PlayStation”. Questa P-Rod non è mai stata considerata una collaborazione ufficiale, ma nel caso in cui lo fosse sarebbe la prima con Nike SB e la prima ampiamente distribuita.

Nel 2009 Nike realizzò per Sony ventiquattro paia di Trainer 1 LTD per celebrare l’uscita in esclusiva su PlayStation 3 di “MLB 09: The show”. La maggior parte di queste scarpe erano destinate a giocatori MLB sponsorizzati Nike, rendendo le paia realizzate in taglie piccole, se possibile, ancora più rare. La Trainer 1 LTD è una sneaker prodotta da Nike come tributo all’originale Trainer 1 del 1987 ed è stata base di diversi Player Exclusive per atleti provenienti dal mondo del basket, del football, del baseball e della boxe.

Nel 2010 Sony presenta PlayStation Move, un controller di nuova generazione in stile Nintendo Wii. Per promuoverne il lancio Nike realizzò una versione speciale delle Zoom Huarache Trainer, parte di un pack speciale contenente PlayStation 3 e controller PlayStation Move inviato a diverse celebrità statunitensi. Il modello scelto, la Zoom Huarache Trainer, era una versione rinnovata del classico d’inizio anni ’90 indossato per un’intera stagione da Amar’e Stoudemire durante la sua militanza con i New York Knicks. Nonostante questo legame il primo giocatore a indossare le Zoom Huarache Trainer “PlayStation Move” su un parquet NBA è stato Gilbert Arenas nel 2012, in una delle diciassette partite giocate con i Memphis Grizzlies (una trasferta a Los Angeles contro i Clippers, ndr).

Nel 2011 Sony commissionò a Nike una nuova sneaker a tema baseball. L’uscita da celebrare, questa volta, è quella di “MLB 11: The Show” e il modello scelto è una Trainer Huarache Low realizzata in collaborazione con Joe Mauer, cover star del videogioco e giocatore dei Minneapolis Twins. Secondo la selezione ufficiale di Nike questa è la prima sneaker collaborativa di Nike e PlayStation a essere ampiamente disponibile al publico, seppur in esclusiva per il mercato USA.

Nel 2018 la collaborazione con Sony a tema PlayStation entra stabilmente nel catalogo Nike, grazie a diverse release parte della signature line di Paul George. La prima collaborazione a essere rilasciata è quella sulla PG2, distribuita in tutto il mondo dopo essere stata inizialmente presentata in versione promo, come parte di un pack che comprendeva una PlayStation 4 personalizzata con il logo dell’allora giocatore degli Oklahoma City Thunder. A questa sono seguite ben tre colorway della PG 2.5, tutte personalizzate con il logo PlayStation e un pattern realizzato con i simboli dei quattro tasti del controller Sony. Quella con Sony PlayStation non è stata la prima collaborazione videoludica per Paul George che, scelto come cover athlete per NBA 2K17, aveva coinvolto proprio 2K Sports come partner per il lancio della prima colorway della Nike PG1, indossata per la prima volta durante l’NBA London Game contro i Denver Nuggets.

Per celebrare il ritorno di Nike x PlayStation a sette anni dall’ultima release, sempre nel 2018 è stata rilasciata su SNKRS App una nuova Air Force One Low. Questa versione, molto diversa dalle originali del 2006 e del 2009, vede l’utilizzo di quattro Jewel Swoosh blu su una base nera realizzata con un mix di pelle e patent.

Ad oggi l’ultimo capitolo della partnership tra Nike e Sony è la tanto chiacchierata Nike Dunk Low x Travis Scott x PlayStation. Inizialmente la scarpa in questione è apparsa online soltanto sotto forma di render, lasciando pensare che fosse una nuova collaborazione tra Nike e LaFlame in programma per il 2021. Soltanto pochi giorni fa è arrivata invece la conferma che si tratta di una scarpa reale, pare che meno di dieci paia siano state realizzate ma soltanto cinque sono state rese disponibili al pubblico via raffle. Questi numeri rendono la nuova Dunk Low x Travis Scott x PlayStation la collaborazione più esclusiva tra quelle realizzate da Nike e Sony. In molti si stanno già preoccupando di come, con le scarpe non ancora disponibili, le vendite su StockX della Dunk Low in questione siano già sette a fronte di sole cinque paia prodotte. Ma questa è un’altra storia…