Fashion

Le nuove borse gonfiabili di Bottega Veneta

Articolo di

Ruben Di Bert

Eclettica, divertente e accattivante: sono questi gli aggettivi che definiscono al meglio l’estetica imposta da Daniel Lee nel suo ruolo di direttore creativo di Bottega Veneta. Un percorso, il suo, che da tre anni a questa parte non solo ha saputo rinnovare completamente l’immagine di un’azienda storica, ma ha dettato nuovi canoni per il mondo della moda in generale, fatti di un’innovativa idea di lusso più discreto e un approccio indipendente che risponde soltanto ai desideri della community. Ottimi esempi che dimostrano questa nuova era sono l’abbandono dei social network, l’organizzazione di sfilate segrete al di fuori del calendario ufficiale, ma soprattutto il lancio di prodotti che spesso hanno catturato l’attenzione del web.

Come dimenticare infatti la linea di gioielli composta da una collana che ricorda il filo della cornetta di un vecchio telefono fisso, venduta a cifre esorbitanti nonostante l’utilizzo di materiali comuni, oppure gli stivali con pattini. Ecco, ora ci troviamo davanti a un’altra serie di articoli che di certo non passerà inosservata.

Questa volta il focus ricade su una nuova gamma di borse, la quale fa parte della collezione Salon 02 svelata lo scorso aprile al Berghain di Berlino. Fino a qui nulla di strano, se non fosse che la costruzione degli accessori in questione è gonfiabile. Proprio così, riprendendo alcune clip recentemente comparse nell’ultimo Issued by Bottega, il brand di casa Kering ha creato alcune Inflatable Bag che, come mostrano le foto apparse sui siti di alcuni retailer, vantano delle parti per l’appunto da gonfiare ad aria. Il design, concepito come richiamo all’iconica texture Intrecciato, si presenta quindi particolarmente giocoso e vagamente ispirato alle opere di Jeff Koons.

Entrambi i modelli sono disponibili per l’acquisto da Neiman Marcus e Bergdorf Goodman.