Il programma di protezione degli acquisti di Paypal non tutelerà più i reseller

Articolo di

Edoardo Cavrini

Guai in vista per chi è solito rivendere e acquistare articoli a resell attraverso Paypal. L’ultimo aggiornamento della policy della compagnia americana parla chiaro, a partire dal 31 luglio, negli Stati Uniti, la copertura “Beni e Servizi” non includerà più prodotti venduti a resell.

Escluderemo dal programma di protezione degli acquisti tutti gli articoli destinati alla rivendita, incluse le transazioni di singoli prodotti o le transazioni che includono più articoli.

Paypal Policy Updates

I dubbi intorno questo punto della Policy Update sono già numerosi e Paypal non ha ancora fornito ulteriori dettagli a riguardo. Di una cosa siamo però certi, il mondo dello sneakergame, e non solo, potrebbe accusare un duro colpo in seguito a questo cambiamento.

Se la modifica dovesse essere applicata solamente ai privati – escludendo negozi fisici e online come StockX che emettono fatture d’acquisto – vendere per questi ultimi diventerà un’impresa ancora più ardua, soprattutto se privi di reference che attestino la concreta affidabilità del venditore.

L’update potrebbe segnare inoltre la fine dell’era Paypal e lasciare spazio a nuovi scenari in cui a far da padroni saranno altri sistemi di pagamento come WhatsApp Pay, attualmente in fase di testing in Brasile.

L’arrivo della nuova policy in Italia è previsto per il 14 settembre. Non ci rimane che attendere chiarimenti riguardo la scelta intrapresa da parte del colosso americano per capire come si evolverà la faccenda.