Quali saranno i trend del 2020?

Articolo di

Ruben Di Bert

Solitamente dicembre è il mese in cui si tirano le somme sull’anno passato, ma noi vogliamo guardare avanti e analizzare gli ultimi dodici mesi per capire quali saranno le tendenze che domineranno il 2020 della moda.

Guardando ciò che è emerso durante le ultime sfilate possiamo notare come tutto ruoti attorno alle esigenze dell’uomo. Il famoso detto “per apparire devi soffrire” è assolutamente bandito, perché oggi la continua innovazione permette di far coincidere stile e praticità come mai prima d’ora.

Tecnicità

La parola chiave è tecnicità che, declinata secondo la sapienza sartoriale degli stilisti, risulta molto accattivante e dal forte impatto visivo. Materiali specifici abbinati a tagli all’avanguardia permettono infatti di affrontare qualsiasi tipo di situazione, senza dover mettere da parte styling d’effetto. Tutto ciò rende quindi possibile passare da un contesto urbano al tempo libero senza doversi cambiare, ottenendo comunque le stesse prestazioni. Inoltre, anche l’ascesa nel settore fashion di sneakers originariamente pensate per il trekking e l’hiking si sta facendo sempre più evidente e apprezzata, tanto da generare inaspettate collaborazioni e impensabili ibridi.

Gender fluid

Col passare del tempo la distinzione tra il genere maschile e femminile nell’ambito della moda si sta facendo sempre più sottile. Per molte maison è ormai obsoleto diversificare i propri capi in questo senso, optando quindi per presentazioni co-ed e contaminazioni nel guardaroba di lui e di lei. Largo spazio a look unisex: completi formali e volumi comodi per la donna, mentre l’uomo si avvale di gonne, trasparenze e glitter.

Sostenibilità

Un altro fattore che sarà impossibile non considerare è la sostenibilità. Tenere conto dell’impatto ambientale causato dal processo produttivo del settore tessile ormai è una vera e propria necessità a cui moltissimi brand stanno dedicando le loro risorse. La soluzione ricadrà sul riciclo con la riscoperta del vintage e sull’innovazione tramite l’utilizzo di materiali ecologici o iniziative in favore della natura.

Lo streetwear così come lo conosciamo non esisterà più

Anche se le ultime partnership che abbiamo visto sembrano dimostrare il contrario, lo streetwear è arrivato alla fine. A dircelo sono figure del calibro di Virgil Abloh e Kim Jones, che essendo pionieri del settore si sono sbilanciati sulla situazione attuale del fashion business. Le parole non vanno però prese alla lettera, perché il cosiddetto abbigliamento da strada non morirà, semplicemente si adatterà all’alta moda creando qualcosa di nuovo. Si ritorna quindi al concetto base di praticità in favore di look versatili ma al tempo stesso raffinati.