Sneakers

RAL7000STUDIO riscrive il DNA delle adidas ZX 2K Boost

Articolo di

Edoardo Cavrini

RAL7000STUDIO, lo studio italiano formato dai creativi Michael Cutini, Marco Simonetti e Gollin Mattias, noto per dare vita a incredibili idee e per saperle trasformare in prodotti unici, è stato chiamato in gioco da adidas per un nuovo progetto. Il nome è “MUTANT ZXGene Editing Concept e lo scopo è quello di reimmaginare la adidas ZX 2K Boost, silhouette ottenuta a sua volta da un lavoro di restyling sull’originaria ZX 710 del 1987.

Per il processo di sviluppo e creazione lo studio creativo ha optato per un cambio radicale, partendo dall’alterazione del DNA della sneaker. Come prima cosa l’iconica shape delle ZX 2K è stata interamente trasformata andando a realizzare un corpo unico che, partendo dall’outsole, si espande fino alla tomaia. Lo step successivo, è stato quello di inserire all’interno dello shell una sorta di calzino che va ad avvolgere il piede una volta indossata la sneaker.

I dettagli, così come i materiali, non sono stati lasciati al caso. Tutto il “MUTANT ZXGene Editing Concept strizza l’occhio alla sostenibilità senza andare a intaccare le performance della scarpa. La struttura principale è infatti realizzata nel leggerissimo XL EXTRALIGHT® SUSTAINABLE+, ottenuto mediante un complicato processo di miscelazione tra tutti gli scarti di produzione di adidas che ne favorisce il riutilizzo piuttosto che lo smaltimento in discarica. Come per l’esterno, anche il calzino interno è stato realizzato con materiali riciclati, in questo caso il neoprene.

La sneaker nata dal “MUTANT ZXGene Editing Concept di RAL7000STUDIO verrà realizzata in 6 differenti colorway, per un totale di sole 40 paia, che non verranno rilasciate al pubblico.