Rapper emergenti da tenere sott’occhio: Deriansky

Articolo di

Greta Scarselli

Foto di

Giorgio Cassano

Abbiamo decisamente trovato il nuovo talento da farvi scoprire. Oggi vi presentiamo Deriansky.

Prima di iniziare, però, dobbiamo precisare una cosa: emergente lo è, ma parlare di rapper in questo caso è alquanto riduttivo. Deriansky rappa e produce, e il rap non è l’unico genere al quale si ispira.

Dario Donatelli ha appena 21 anni e a inizio giugno, se avete messo in play il disco “HANAMI” di Asian Fake, lo avrete sentito nella seconda traccia “Team Crociati”, quella che oggi lo ha portato a firmare un contratto discografico, ad avere un video musicale per il pezzo e agli apprezzamenti di Salmo.

HANAMI” è nato proprio dall’idea di far conoscere al pubblico nuovi talenti, si tratta di un disco particolare, unico, che ha dato forse un nuovo volto a quello che è il ruolo degli A&R e ci è riuscito con discreto successo. Da oltre 400 tracce ricevute da giovani emergenti di tutta Italia, soltanto 13 hanno occupato un posto nell’album e soltanto uno si è portato a casa un posto nel roster di Asian Fake.

Deriansky viene da Parma, Emilia-Romagna, e dal 14esimo anno di età si è avvicinato a questo genere assieme alla sua crew e al suo collettivo. È con loro che approda su YouTube, delle volte come rapper, altre come produttore. In sei anni di passione e di sperimentazione del suono, il giovane artista ha provato l’ebrezza del palco aprendo i concerti di diversi volti noti: Johnny Marsiglia, Nerone, Murubutu, R.A. the Rugged Man e A.F.R.O., ma adesso il suo momento sembra essere piuttosto vicino.

Affinando le sue capacità, Deriansky ha smontato con “Team Crociati” l’ideale di canzone, giocando senza regole su un beat che si incastra tra la dubstep e l’hip hop. Nomina la sua città, l’Italia, Salvini, le chiacchiere che non sopporta. Come affermato da Frenetik&Orange, “l’odore di strada si sente da lontano, ma è una strada su cui corre un’astronave dal futuro“.

La cosa che ci ha colpito di più è stata la struttura pazza del brano, che unisce voci pitchate, strofa rappata e un drop che può ricordare sonorità dubstep.

Frenetik&Orange

Anche Salmo se ne è accorto, e all’uscita del video di “Team Crociati” su YouTube ha mostrato il suo apprezzamento per il nuovo talento con una storia Instagram. Non sappiamo ancora quale sarà il suo percorso, ma con un inizio del genere e con una mente così fuori dagli schemi non possiamo che aspettarci il meglio.

Questo tipo di silenzio, questo tipo di contrasto che senti nel pezzo viene da Parma. Tutte le esperienze le ho fatte qui, volevo restituire qualcosa alla mia città.

Deriansky
prossimo articolo

Octopus Brand e South Park ci danno un assaggio della loro prossima collaborazione