SNEAKERS’ HISTORY: Run Dmc x Adidas Originals Superstar 80’S

Articolo di

Carola Molteni

New York, 1986. Tre giovanissimi ragazzi provenienti da Hollis, Queens si accingono ignari a fare la storia.

Parliamo dei RUN DMC, il collettivo newyorkese composto da Joseph “Run” Simmons, Darryl “DMC” McDaniels e il mitico “Jam Master Jay” il cui nome all’anagrafe era Jason Mizell. Con il loro stile e le loro rime a volte banali crearono le fondamenta del genere e della cultura hip-hop.

Quando nel 1983 esce il loro primo LP “It’s Like That” non avevano ancora compiuto 20 anni.

I RUN DMC si contraddistinguevano per il loro look particolare: cappello fedora, jeans neri, la mitica “dookie rope” al collo e scarpe adidas rigorosamente con la linguetta in vista e senza i lacci come richiamo ai carcerati, i quali erano costretti a rimuovere le stringhe per evitare che venissero utilizzate come armi letali.

run-dmcNel 1986, esattamente 30 anni fa, debutta il loro terzo album “Raising Hell”, l’album che entrò nella storia dando inizio all’epoca d’oro dell’hip-hop. Fu il primo disco del genere in assoluto a superare il milione di copie vendute e a raggiungere il traguardo dei 3 dischi di platino.

“My Adidas” è il primo singolo estratto; scritto da Dj RUN e DMC, parla delle loro scarpe preferite (le Adidas Superstar per l’appunto) e fu destinato a cambiare le sorti dello street-wear e della cultura hip-hop in generale.

Negli anni ’80 le Adidas Superstar divennero un must-have per ogni appassionato del genere e ogni b-boy indossava quel modello di scarpe. Adidas divenne così il simbolo dell’hip-hop “old school”.

Arrivati all’apice del successo decisero di avviare un tour. Significativa fu la data al Madison Square Garden, nella quale il gruppo alzò al cielo le proprie sneakers e i 20.000 fans presenti risposero mostrando le proprie.

concertUn anno dopo il brand sportivo tedesco decise di ingaggiarli come testimonial con un contratto da 1.6 milioni di dollari. Fu la prima vera e propria collaborazione nella storia tra Adidas e musicisti.

Grazie a questo flirt tra hip-hop e sportswear, Adidas divenne leader indiscusso non solo del campo dello sportswear ma anche della street-fashion e street-wear. I RUN DMC fecero da conduttori in questa transizione.

run-dmc-adidas-truck-640x426

Per celebrare il 25° anniversario dell’uscita del singolo che ha cambiato la sorti dell’hip-hop, Adidas ha rilasciato l’11 novembre 2011 la commemorativa “shell toe” RUN DMC X ADIDAS ORIGINALS SUPERSTAR 80’S.

Colorazione classica bianco e nera, tomaia in pelle premium e il caratteristico puntale a conchiglia, riporta all’interno della linguetta alcune liriche di “My Adidas”.

La scatola include tre lacci bianco, rossi e neri esattamente come i colori del trio ed era presente un lace jewel che richiama palesemente la catena d’oro “dookie rope”.

Sul lato del tallone, invece, sono impresse le lettere JMJ come omaggio a Jam Master Jay, ucciso con un colpo d’arma da fuoco presso uno studio di registrazione nel Queens.

La sua scomparsa ha commosso tutti, elevandolo a leggenda e lasciando un vuoto incolmabile nel mondo dell’Hip-Hop e nel trio.

Come affermò Joseph Simmons:

“Some rock bands can replace the drummer; I don’t know any other way but to be the three original members”.

rundmc

prossimo articolo

Bape rilascia una special capsule dedicata a Star Wars: Rogue One