Fashion

Ecco com’è andato lo show di Moncler in Piazza del Duomo a Milano

Articolo di

Ruben Di Bert

Moncler, EXTRAORDINARY FOREVER. 700 ballerini, 200 musicisti, 100 coristi, 952 modelli: un cast di 1952 persone in riferimento all’anno di fondazione. Tutto davanti a circa 18.000 spettatori. Sono questi i numeri dell’evento che ha visto celebrare il settantesimo anniversario del brand di Remo Ruffini con uno straordinario take over di Piazza del Duomo a Milano.

Una spettacolo senza precedenti che ha portato in scena una performance dal vivo ad alto impatto visivo ed emozionale, in cui è stato ampiamente esplorato il potere della ripetizione nell’esecuzione mantenendo al centro dell’attenzione l’iconica giacca Maya, rivisitata per l’occasione nello stile e nei materiali che connettono simbolicamente il passato al futuro. 

Lo show è stato inaugurato dalla prima ballerina del Teatro alla Scala Virna Toppi, accompagnata da un gruppo di talenti che con i loro look hanno completamente “dipinto” di bianco la piazza mentre cantavano, ballavano e si muovevano con in sottofondo un brano cantato a cappella. La coreografia di Sadeck Berrabah che sfidava i limiti geometrici del corpo umano è poi entrata nel vivo con il supporto musicale del coro delle Voci Bianche e sulle note di Carmina Burana suonate da un’orchestra milanese. Al culmine della serata, la musica dell’orchestra è stata sostituita dalla musica elettronica del DJ Lorenzo Senni, mentre una miriade di coriandoli bianchi suggellava il finale. 

Tra gli ospiti anche Salehe Bembury, Blanco, Hiroshi Fujiwara, Future, Anne Hathaway, Colin Kaepernick, Michèle Lamy, Francesco Ragazzi, Maria Sharapova, Nigel Sylvester e Pharrell Williams.

E questo è stato soltanto il primo di 70 giorni che formeranno un ricco programma fatto di iniziative ed esperienze a livello globale.