Sound e featuring: tutto quello che sappiamo sul nuovo disco di Ghali

Articolo di

Greta Scarselli

Foto di

Mr. Wattson

Le aspettative sul nuovo album di Ghali si fanno ogni giorno più forti, il rapper è tornato a farsi vedere, viaggia, ride, si complimenta dei suoi successi e affronta tematiche serie, dall’uguaglianza alle politiche d’odio.

Descrivere il disco che ci aspettiamo da Ghali in questo momento storico è difficile. L’artista ha due volti, due facce della stessa medaglia che continua a mostrarci da quando lo abbiamo conosciuto, lo hanno dimostrato ancora una volta “Turbococco” e “Hasta La Vista”, due singoli che, secondo noi, rappresentano il preambolo del nuovo album.

Ma i featuring, il sound, gli ospiti internazionali? Ci sono un po’ di dettagli che non ci siamo fatti sfuggire dai social e anche DEV, rispondendo alle nostre domande, ci ha dato una discreta mano.

Il sound

Ghali e il suo team ha girato il mondo per registrare “DNA”. Da Rio de Janeiro ad Atlanta e da Los Angeles a Parigi, poi di nuovo a Milano. Cercare di capire tutte le influenze che ne faranno parte è impossibile ma sappiamo per certo una cosa: il genere Afro Beat sarà fortemente presente e i pezzi da club, come “Boogieman”, non mancheranno. Il disco contiene i gusti contaminati di Ghali ed è totalmente proiettato al futuro.

I featuring

Instagram non mente e tra i volti che abbiamo visto in studio non possiamo dimenticare quelli di Taxi B e KnowPmw. Il primo non ha bisogno di presentazioni, il secondo è un rapper di origini africane che si è fatto notare nella scena milanese. Anche Venerus è stato visto molteplici volte in studio con Ghali e la sua presenza nel disco non ci stupirebbe.

Quanto a nomi internazionali, il rapper si è tenuto ben lontano dal lasciare grandi indizi, ma qualcosa abbiamo notato: Pappy Kojo, artista ghanese, è stato in studio con Ghali, Venerus e Mace. E possiamo infine aggiungere che un featuring con Lous and the Yakuza, cantante belga saltata agli occhi per il suo singolo “Dilemme”, non ci dispiacerebbe, in quanto i due si sono mostrati molto affini durante il suo approdo in Italia.

I producer

Zef e Mace sono già confermati con “Boogieman” e quest’ultimo, vista la sua continua partecipazione, potrebbe essere presente in diverse tracce. In studio abbiamo visto passare Fawzi, producer che affianca Ghali dai tempi di Troupe D’Elite, e Peppe Amore, che ha accompagnato i singoli di successo di KnowPmw, ma anche brani come “No Cap” di MamboLosco. Per quanto riguarda le figure internazionali possiamo fare il nome di GuiltyBeatz, DJ ghanese di origini italiane che era presente in studio con Pappy Kojo.

Spoiler?

Già una volta quest’estate, prima dell’uscita di un suo nuovo brano, Ghali ci aveva fatto ascoltare un’anteprima a cappella nelle storie, come se si trattasse di un semplice freestyle. Ieri lo ha fatto di nuovo.

A questo punto potremmo dire di essere sulla buona strada, ma possiamo aspettarci il colpo di scena. Quando abbiamo chiesto a DEV se nel disco fossero presenti featuring del calibro di Stormzy, la sua risposta è stata “Assolutamente… No comment”.

prossimo articolo

Infinito Kobe