Spotify dalla parte degli artisti indipendenti

Articolo di

Greta Scarselli

Da quando è nato Spotify il mercato musicale ha subìto dei grandi cambiamenti ed ora sembra proprio che l’app di streaming sia pronta ad introdurne altri.

Gli artisti mainstream sono sempre supportati dalle loro etichette, che si occupano anche di caricare i brani sulle varie piattaforme, ma a quelli indipendenti chi ci pensa?
Prima di Spotify se ne occupavano aziende terze, come Distrokid e Tunecore, che permettono ai vari emergenti di sbarcare sui servizi a pagamento, ora invece l’app ha voluto rendere le cose più semplici, aiutando chi non ha un vero e proprio team alle spalle. Spotify ha infatti annunciato di aver sviluppato una versione beta che permette a chi possiede un account di caricare le proprie tracce senza più appoggiarsi a terzi. Comodo vero? Ma chissà come la prenderanno i sopracitati Distrokid e Tunecore…

Voi cosa ne pensate di questo fatto? Scriveteci nei commenti la vostra opinione e seguite @outpumpmusic su Instagram per altre novità in merito.

prossimo articolo

Nike è pronta a rilasciare una nuova NBA x Air Force 1 Low