Supreme Italia vs Supreme: il marchio italiano avrebbe perso la licenza in Cina

Articolo di

Roberto Penna

Secondo alcune testate web, Supreme Italia starebbe perdendo, dopo l’apertura del mega store a Shanghai, la licenza che gli garantisce la proprietà del marchio Supreme in Cina: era evidente che il brand americano stesse cercando in tutti modi di contrastare quello che ormai è diventato un vero proprio fenomeno.

Nel frattempo l’IBF LTD, proprietaria dei marchi Supreme in varie zone del mondo, oltre che di Supreme Italia, Supreme Kids e Supreme Spain, ha fatto sapere tramite un comunicato che la lotta con Chapter 4,  possessore del brand newyorkese, sta depositando freneticamente il suo marchio in ogni dove, anche in località in cui non ha alcuna sede fisica o interessi.

Inoltre, ha affermato che nelle diverse battaglie legali svoltesi in Paesi come Danimarca, India e Siria, l’azienda americana avrebbe perso, a riconferma del fatto che tutto si è svolto nella regolarità e che Chapter 4 avrebbe creato l’ennesima campagna diffamatoria.

Per il momento non ci sono ulteriori informazioni riguardo a questa vicenda. Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti sui nostri social.

prossimo articolo

Jay-Z è ufficialmente il primo rapper miliardario secondo Forbes