Under Armour perde un altro club: il Southampton firma con Hummel

Articolo di

Claudio Pavesi

Under Armour è un brand che sta perdendo molti colpi nel calcio. Fino a pochi anni fa sembrava un marchio pronto a fare grandi cose grazie ad atleti di punta come Depay e Trent Alexander-Arnold ma anche club di grande prestigio come il Tottenham. Tutto è però andato a perdersi in poco tempo e ora Under Armour sembra sempre più lontana dal mondo del calcio di alto livello.

Partiamo dalla notizia più recente: il Southampton ha deciso di interrompere anticipatamente il proprio legame con Under Armour e firmare un quinquennale con Hummel. I Saints avevano firmato nel 2016 un contratto di 7 anni con gli americani che sarebbe proseguito quindi fino al 2023 ma è notizia di oggi, 18 gennaio, la rottura anticipata del suddetto accordo e la firma immediata di un quinquennale con il marchio danese che partirà ufficialmente da luglio 2021 in vista della prossima stagione.

Hummel inizia a giocare sul serio in Premier League, aggiungendo quindi il secondo club dopo il ritorno nel campionato più visto al mondo avvenuto grazie al legame con l’Everton, soffiato a Umbro nella scorsa estate. Il Southampton non è nuovo a Hummel, essendo già stato legati ai danesi dal 1987 al 1991, anni in cui tra i Saints c’erano fuoriclasse come Alan Shearer e Matt Le Tissier.

Questa situazione non fa che confermare il trend negativo di Under Armour degli ultimi anni. UA ha vissuto un brutto 2020 con perdite che sfiorano i 200 milioni di dollari e, peggio ancora, un forte calo delle vendite, peggiorate di oltre il 4o% rispetto agli anni precedenti.

L’ennesima perdita nel calcio di Under Armour non significa altro se non l’addio di UA dal pallone ai massimi livelli dato che l’ultima squadra europea nel proprio roster è il York City F.C., attualmente nella sesta divisione calcistica inglese.