Fashion

Il viaggio di 313 nella scena skate italiana parte da Milano

Articolo di

Ruben Di Bert

Milano, Napoli e Roma: tre città molto differenti tra di loro ma legate allo stesso tempo da una forte presenza di skater che, grazie all’affascinante vortice di influenze dalla strada, ha dato vita a un’importante sottocultura che ispira inesauribilmente il mondo della moda e non solo.

È proprio attraverso questo scenario che 313 vuole raccontare la sua nuova collezione per l’autunno/inverno 2021, fortemente ancorata allo stile urban e dunque perfetta per essere testimone delle avventure scritte dalla nuova generazione di skater italiani.

La prima tappa di questo viaggio parte dal capoluogo lombardo, dove, essendo di casa, il brand ha potuto avvicinarsi al meglio alle community locali, tra cui quella della Stazione Centrale, un luogo dove lo skateboarding è ormai una presenza fissa.

A immortalare i vari incontri e i trick più elaborati ci hanno pensato il fotografo Giacomo Riccardi e il videomaker Michele Formica, due creativi che da sempre coltivano un rapporto speciale con la scena skate.

L’essenza più profonda dell’attitudine da skater emerge in modo molto evidente nei capi che compongono la linea, che si basa sull’esplorazione del valore streetwear. Troviamo per esempio delle voluminose puffer jacket stampate rifinite dal logo gommato del marchio che richiamano l’estetica dei primi anni Duemila, così come sgargianti pile jacquard e per la prima volta anche felpe in jersey, joggers e t-shirt. Per quanto riguarda le grafiche, i tratti distintivi risiedono nella presenza di pattern con potenti elementi naturali quali fiamme, fulmini, montagne innevate, stelle, pianeti e skyline, ma anche slogan come “THE FUTURE AIN’T WHAT IT USED TO BE“, disegni anatomici e bande logate.

Dopo Milano si passerà a un’altra città, per scoprire un nuovo pezzo della collezione assieme alle comunità locali.