Virgil Abloh ha immaginato Louis Vuitton nel 2054

Articolo di

Ruben Di Bert

Nel 2054 Louis Vuitton compierà duecento anni, così Virgil Abloh, con 35 anni di anticipo, ha deciso di portarsi avanti creando una collezione che immagina come sarà l’abbigliamento in quel periodo.

La capsule collection mette in atto le più innovative tecniche di produzione e i migliori materiali presenti nella categoria techwear. Ogni articolo presente è infatti totalmente idrorepellente e vanta uno studio in 3D delle silhouette che abbina la comodità a un massimo impatto visivo. Per quanto riguarda il comparto estetico invece, ritroviamo il leggendario monogram (seppure non nella sua forma classica) e un motivo camouflage, mentre le tinte sono prevalentemente scure, a eccezione di alcune texture iridescenti.

Per fare un salto nel futuro basterà aspettare un mese, perché la linea sarà acquistabile a partire dal mese di dicembre.

prossimo articolo

Vegas Jones vuole farci ascoltare “La Bella Musica”