James Harden celebra Kobe Bryant giocando in Reebok

Articolo di

Claudio Pavesi

La morte di Kobe Bryant è stata una delle tragedie che ha colpito il mondo dello sport e ovviamente nessuno ne ha sofferto come i cestisti. Un modo molto gettonato per onorare Kobe in NBA è tramite le scarpe, e James Harden sta prendendo questa missione molto sul serio.

La stella dei Rockets non ha mai nascosto il suo legame con Bryant, un legame a volte particolare. L’ex stella dei Lakers ha infatti spesso criticato Harden, dicendo che avrebbe dovuto cambiare scelte di tiro o tipologia di ball-handling. Eppure Harden, figlio di Los Angeles, è rimasto particolarmente ferito dalla scomparsa di Kobe.

Da quel momento ha iniziato a onorare la memoria dell’ex numero 8 e 24 con una scelta non facile, ovvero non usando la propria signature line. Molti, nella sua posizione, mantengono le proprie signature shoes e scrivono messaggi a penna sulla tomaia. L’ex Oklahoma City Thunder invece ha lasciato in spogliatoio le Harden vol.4 per riaprire gli archivi adidas e rispolverare le sneakers che hanno accompagnato l’inizio carriera dell’ex stella di Lower Marion High School.

In occasione dell’ultimo incontro in campo tra Harden e Bryant, il numero 13 ha rispolverato le The KOBE 1 (o Crazy 1, nome dato alla versione retro, col passaggio di Bean a Nike) nella colorazione di lancio in grigio metallizzato. Probabilmente il modello più iconico della linea adidas dedicata a Bryant, peraltro.

Nella notte italiana tra il 6 e 7 febbraio però Harden ha dato il meglio. Nel ritorno a Los Angeles, casa sua, e allo Staples Center, the house that Kobe built, Harden ha tirato fuori dal cilindro le Reebok Question Mid “Purple Toe Kobe Bryant PE”, uno dei modelli che il padre di Gianna Bryant ha usato nel periodo di passaggio tra le tre strisce e lo Swoosh.

La signature line di Allen Iverson in gialloviola, una delle più rare e amate, non deve stupire di essere vista ai piedi di Harden, in quanto Reebok è proprietà di adidas. Fantastico lavoro quindi del team d’immagine di adidas e Harden nello sfruttare a pieno l’archivio di entrambi i brand.

La speranza è che adidas continui ad esplorare questi orizzonti e il legame tra Harden e Kobe potrebbe essere un ottimo inizio. D’altronde non c’è brand che Kobe ha usato più di Reebok nel suo periodo da sneaker free agent. Reebok Answer IV “Purple” e “Total White” e tante Reebok Question, tra cui le “PE Black Toe”, le iconiche “PE Yellow Toe”, le “White/Gray” e le “Black/Silver”. I giocatori adidas avranno parecchio a cui attingere.

prossimo articolo

Anche Versace sostiene la lotta al coronavirus