Sneakers

I negozi potrebbero non ricevere più prodotti Nike fino alla prossima estate

Articolo di

Edoardo Cavrini

Gli enormi problemi causati dalla pandemia stanno rallentando le catene di produzione dei più grandi marchi. Dopo Supreme, Vans, Crocs e tutti i brand sotto l’ala di VF Corp., sembrerebbe essere ora la volta di Nike, che già questa estate aveva potuto riscontrare i primi rallentamenti sulla produzione di Air Force 1.

Secondo quanto riportato da Brendan Dunne su Twitter, lo Swoosh potrebbe aver superato il punto di non ritorno trovandosi persino costretto a dover annullare gli ordini fatti dai negozi per le stagioni Holidays 2021, quella attuale, Spring 2022 e Summer 2022.

L’email ricevuta per ora da un solo store americano esprime la necessità di Nike di dover cancellare tutti gli ordini per far fronte a una situazione mai vissuta prima e contraddistinta da problemi sia nella produzione dei prodotti che a livello logistico, con ritardi che riguardano tutta la rete di trasporti e di distribuzione. Malgrado la volontà di Nike, come si può leggere nella mail, sia quella di far riprendere al più presto la catena di produzione, al momento l’unica opzione per far fronte a tutte le richieste è quella di cancellare gli ordini, compresi quelli non ancora spediti questa stagione.

Rimangono quindi grandi dubbi su come l’azienda intenderà procedere per far fronte all’immenso numero di ordini ai quali dovrà dar conto nel periodo che va dal Black Friday fino a Natale. Restate aggiornati con noi per scoprire come andrà.