Fashion

Louis Vuitton fa tappa a Shanghai con la collezione primavera/estate 2021

Articolo di

Ruben Di Bert

In tempi di coronavirus il calendario tradizionale delle fashion week è stato completamente stravolto: c’è chi ha deciso di optare per un formato digitale e chi ha scelto di saltare direttamente questa edizione, e poi c’è Virgil Abloh, che ha pensato di presentare la collezione primavera/estate 2021 di Louis Vuitton con un world tour di tre tappe.

Il viaggio, partito da Parigi lo scorso luglio con un cortometraggio in cui vengono introdotti i personaggi “Zoooom With Friends”, ha fatto ieri scalo a Shanghai, dove sulle rive del fiume Huangpu si è tenuto un défilé in piena regola con pubblico esclusivamente cinese tra container, strutture avveniristiche e norme di distanziamento sociale un po’ discutibili.

L’uomo che abbiamo (finalmente) visto sfilare gioca ancora molto su quel tanto discusso equilibrio tra streetwear e sartoriale. Il clima che lo circonda sprigiona però spensieratezza e vivacità da tuti i pori, tanto da essere degno di un cartone animato. Non a caso tra un completo e l’altro fanno la loro comparsa delle figure antropomorfe cucite sulle giacche o stampate sulle borse, così come i colori dei capi sono vivacissimi e talvolta gli occhiali si presentano deformati come in un fumetto. Un altro elemento da non trascurare è il rispetto per l’ambiente, poiché questa è la linea più sostenibile che la maison francese abbia mai prodotto. Venticinque degli outfit che possiamo vedere sono infatti stati creati utilizzando i materiali di scarto recuperati durante il lockdown, mentre la restante parte rielabora alcuni dei pezzi più iconici delle scorse stagioni dandogli una nuova vita.

Ora che abbiamo avuto un assaggio della quinta prova dello stilista per il marchio, non ci resta che attendere il 2 settembre, giorno in cui LV approderà a Tokyo con l’ultima fermata di questo meraviglioso percorso.