Fashion

Finalmente sappiamo cos’è successo durante la sfilata di Bottega Veneta al Berghain

Articolo di

Ruben Di Bert

2 aprile: un’elitaria cerchia di ospiti che tra gli altri comprendeva nomi del calibro di Virgil Abloh, Skepta, slowthai e Roberto Bolle si dirige misteriosamente verso il Berghain di Berlino. Il motivo non è il ritorno alla vita notturna dopo la pandemia, ma un segretissimo evento di Bottega Veneta che, stando alle voci di corridoio, si rivelerà una sfilata sulla falsa riga di quella precedentemente ambientata a Londra. Curioso è il fatto che dal défilé non usciranno né foto né dichiarazioni, alimentando così la leggenda che narra: “quello che succede al Berghain rimane al Berghain”.

Nel frattempo la maison prosegue con altri progetti, tra cui il lancio del secondo magazine digitale e la diffusione della campagna Wardrobe 02.

Ma dov’è finita la collezione presentata nella capitale tedesca? Ecco allora che arriviamo a oggi, quando la griffe del gruppo Kering ha inaspettatamente condiviso le immagini scattate durante l’evento. Ciò che stupisce è innanzitutto l’allestimento del club, arredato con un improbabile tappeto turchese che crea uno spiazzante contrasto con l’architettura brutalista dell’edificio.

A sfilare sono 61 outfit co-ed, che proprio come la location giocano su contrapposizioni di stile. Una buona parte della linea è caratterizzata dal non-colore nero, quasi a essere pensata appositamente per Kanye West, mentre la restante si sbilancia verso tonalità accese, glitter e pattern zebrati. Nella maggior parte dei casi le silhouette esaltano la vita, pur restando a volte invariate sia per lui che per lei. I tagli sono puliti e lineari, ma il minimalismo viene stroncato da hardwear metallici che riportano l’ormai iconico triangolo. Interessantissime sono le borse che reinterpretano la texture Intrecciato con la corda e gli abiti interamente ricoperti da piume, i quali, come precisa il comunicato stampa, sono frutto di centinaia di ore di lavoro (quindi couture?).

Ora rimane da scoprire se anche la prossima presentazione, programmata per il mese di ottobre a Detroit, seguirà la stessa formula, ma nel frattempo sappiamo che i capi della collezione Salon 02 saranno acquistabili a partire dal 21 settembre.